Spunti d’interesse dall’Evento “L’impatto del Covid-19 sull’economia reale e sulla gestione dei Rami Cauzione e Credito”

LinkedIn

Si è tenuto al termine dello scorso anno l’Evento online “L’impatto del Covid-19 sull’economia reale e sulla gestione dei Rami Cauzione e Credito”, organizzato da Forum Cauzioni & Credito, Associazione costituita nel 2015 da imprese di assicurazione e riassicurazione esercenti i rami cauzione e credito. Il virtual meeting ha visto avvicendarsi vari interventi di professionisti specializzati nel settore assicurativo, che sono stati introdotti dal Dott. Giovanni Brambilla Pisoni, Presidente dell’Associazione.

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione ha sentito il bisogno di organizzare un incontro dedicato ai professionisti di un settore, quello assicurativo, che incide profondamente sulla vita e l’operatività del nostro Paese, al fine di indagare e comprendere ancor meglio i riflessi della crisi generata dalla diffusione della pandemia di Covid-19 e dei conseguenti lockdown.

È sorta quindi, tra le altre, la necessità di interrogarsi su quale sarà lo scenario futuro italiano e tra gli spunti di maggior interesse presentati sui vari temi in programma ne segnaliamo alcuni qui di seguito.

  • L’intervento della Dottoressa Anna Ghedini (magistrato), ‘’L’impatto della pandemia sulle procedure concorsuali’’, ha posto l’attenzione sul fatto che le crisi d’impresa generate dalla prima ondata dell’emergenza da Covid-19 non sono ancora arrivate in tribunale; ciò è dimostrato dal fatto che non è stato registrato un incremento delle procedure che, dati alla mano, sembrano essere diminuite rispetto allo stesso periodo nel 2019. Quanto si discute oggi nei tribunali sono fallimenti riferiti a crisi maturate ben prima dell’arrivo della pandemia e l’ondata nera di fallimenti “causa Covid-19” resta attesa nei prossimi 6/9 mesi, al termine dell’elargizione delle sovvenzioni statali stabiliti con i decreti emergenziali, per tamponare le conseguenze economiche dei lockdown.

Grande rilievo è stato quindi posto sull’attuale normativa emergenziale varata dallo scorso marzo ad oggi, un aspetto fondamentale per comprendere come i tribunali si comporteranno alla luce dell’attesa ondata di futuri fallimenti “causa Covid-19”.

  • L’intervento da parte degli Avvocati Lignini e Ferrone, dello Studio legale Effeffe, che si sono rispettivamente concentrati su ‘’La legislazione emergenziale’’ e ‘’Il nuovo orientamento giurisprudenziale – suggerimenti nell’assunzione dei rischi’’. Quest’ultima è risultata essere un’analisi di grande interesse, ma molto complessa da determinare poiché si riferisce ad una giurisprudenza in fase di formazione attraverso i diversi decreti. Inoltre viene messo in primo piano l’importante ruolo del giudice, chiamato a valutare se la pandemia integri o meno l’ipotesi della causa di forza maggiore nei casi di inadempimento contrattuale.
  • L’intervento “Il Codice della crisi d’impresa e gli indicatori di allerta: come intercettarli e valutarli?” della Dott.ssa Negri, Partner Audit & Assurance di BDO Italia, che si è concentrato sull’impatto derivante dall’emergenza della pandemia sulla continuità aziendale delle imprese alla luce dei decreti del Presidente del consiglio dei ministri fino a quel momento emanati. In particolare, l’analisi si è soffermata sulle fonti normative introdotte dal Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, sugli indicatori qualitativi e quantitativi da monitorare in prospettiva dei dati contabili di bilancio 2020 e sulla identificazione gli indici di allerta.

Hanno preso parte all’evento quasi un centinaio di professionisti, 98 per l’esattezza, in rappresentanza delle 26 compagnie di assicurazione e riassicurazione associate al Forum Cauzioni & Credito e di altre 10 imprese assicurative, esterne al FCC, operative nei rami cauzione e credito.

Share.

Comments are closed.