Insurtech

Polizze salute, più innovazione e servizi personalizzati

Il ruolo delle compagnie assicurative sta cambiando e continuerà ad evolversi. In particolare, il tema della salute diventerà centrale. È quanto emerso dalla ricerca “Tech in insurance & health: l’opportunità di una trasformazione integrata” per opera di EY e IIA (Italian Insurtech Association). Secondo il report le compagnie assicurative “Si trovano in una posizione cruciale per intercettare la crescente domanda di servizi sanitari nel nostro Paese. Infatti, l’età media della popolazione e le patologie sono destinate a crescere nei prossimi anni a fronte di un’offerta sanitaria pubblica in continua contrazione”. A delineare il quadro italiano è Marco Concordati, partner Insurance Business Transformation di EY.

Questa opportunità è possibile a patto che si operi al più presto un passaggio dalla protezione assicurativa classica (cura della malattia e risarcimento del danno) verso un modello incentrato sul cliente/paziente e che punti alla prevenzione.

Più servizi personalizzati

Le compagnie assicurative, quindi, dovranno individuare soluzioni che estendano le coperture per quei pazienti con patologie gravi cui ad oggi non possono attingere. Sarà necessario, poi, favorire la transizione e lo sviluppo di ecosistemi in ambito salute, dove operatori sanitari, Healt Tech e compagnie assicurative opereranno in modo congiunto per ridurre i costi di distribuzione e offrire servizi di prevenzione e di copertura innovativi

Polizze salute in aumento post Covid 19

La pandemia ha contribuito alla crescita della domanda di polizze salute, insieme ai servizi e programmi di prevenzione e monitoraggio. Una tendenza importante è stato l’utilizzo degli strumenti di assistenza e consulti medici da remoto. Al momento le tecnologie Internet of Things e le app per supportare il cliente sono ancora insufficienti per gestire questo tipo di prestazioni.

Tecnologie innovative a supporto delle polizze salute

Lo studio condotto da EY e IIA ha mostrato una relazione diretta tra integrazione delle novità tecnologiche e incremento delle vendite per più del 77% delle imprese assicurative che hanno deciso di raccogliere la sfida. Gerardo DI Francesco, general secretary di IIA: “L’industria assicurativa si trova dunque di fronte a un’opportunità senza precedenti senza precedenti. Queste opportunità necessitano di investimenti in piattaforme nuove e tecnologicamente avanzate, prodotte internamente e in partnership con startup insurtech. L’adozione e lo sviluppo di prodotti e processi innovativi per le polizze salute permetteranno di semplificare l’accesso ai servizi sanitari da parte dei cittadini.

Polizze Cyber Security, poche imprese hanno i requisiti giusti

Il convegno della scorsa settimana dal titolo “La tutela dei dati in azienda: tra cyber security e compliance”, organizzato da Assiteca in collaborazione con The Adam Smith Society, tracciato un quadro preoccupante per la sicurezza informatica delle imprese.

Wopta, azienda insurtech al servizio di artigiani e PMI

Piccoli imprenditori, artigiani e professionisti sono le categorie più esposte alle intemperie economiche, e su cui grava un peso fiscale che strozza lo spirito d’iniziativa e frena la pianificazione di investimenti futuri. Ciò che spesso impedisce una visione di lungo termine a queste categorie è una giusta protezione dai rischi. Da questa esigenza è nata Wopta, agenzia assicurativa italiana che si circonda di un numero di collaboratori distribuiti su tutto il territorio nazionale, che si pone come realtà unica nell’offrire sostegno a imprenditori e PMI. Oltre al team di esperti, la neonata società ha puntato sull’insurtech e la creazione di una piattaforma tecnologica altamente innovativa.

L’idea nasce da Vincenzo Macaione e Ivan Pivirotto. La formazione della squadra è ancora in divenire, così come la portata della sfida che i fondatori si prefiggono di lanciare. Durante il suo ciclo di vita iniziale (pre-seed), la start-up ha già accumulato oltre 3 milioni di euro grazie al supporto di Key Capital, società d’investimento venture capital, Cordifin e un pool di Business Angel e Club Deal italiani.

Strategie insurtech e approccio tradizionale

Wopta, insieme alle compagnie partner, ha improntato il proprio core business sull’offerta di soluzioni assicurative personalizzate, basate su esigenze reali, una determinazione dei prezzi rapida e assistenza vicina e costante al cliente. Il tutto avverrà sia in modalità digitale sia tramite una rete di collaboratori operanti lungo tutto il territorio nazionale.

Vincenzo Macaione descrive l’essenza della sua creazione, sostenendo che “Wopta vuole essere il primo player del panorama assicurativo in Italia a offrire una giusta combinazione tra il meglio del digitale e del rapporto diretto con il cliente – sottolineando l’importanza dell’unione tra digitale e fisico che ha dato origine al neologismo anglosassione phygital , tema affrontato durante la Le Fonti New Insurance Tv WeekLa nostra priorità è supportare concretamente gli artigiani e le micro-imprese del nostro Paese, in enorme difficoltà dopo la pandemia e il lockdown, garantendo loro una copertura in linea con gli standard internazionali. Siamo fiduciosi di riuscire in questa sfida, supportato dalla rete di professionisti che collaborano con Wopta insieme ai nostri partner”.

Polizze parametriche, funzionamento e vantaggi

Una polizza assicurativa in grado di rilevare in modo automatico l’ammontare del danno di un sinistro, risalendo alle condizioni stabilite dal contratto? Si chiama polizza parametrica (in inglese index based), ed è in grado di accertare il danno tramite indici misurabili oggettivamente. Questo strumento innovativo sta già trovando ampia applicazione nel settore dell’agricoltura e del turismo. Vediamo il suo meccanismo e funzionamento.

Funzionamento delle polizze parametriche

Diversamente dal funzionamento di una polizza classica, quella parametrica è in grado di registrare i fenomeni oggettivamente misurabili individuabili nel contratto. Nel caso dell’agricoltura, si pensi alla quantità di pioggia caduto in un determinato arco di tempo. Ciò che cambia rispetto a una polizza normale e l’accertamento, la determinazione e la liquidazione del sinistro. In questo modo si alleggeriscono gli oneri per avviare la pratica. Il raggiungimento degli indici/parametri è dimostrato da un sistema di misurazione oggettivo.

Le rilevazioni dovranno essere trasparenti e attendibili, e l’erogazione sarà legata a una serie statica affidabile. Nel caso della pioggia caduta in un dato periodo, da questa serie si capirà se abbia causato un serio danno, da indennizzare nei limiti della polizza. Le informazioni già registrate automaticamente dalla polizza parametrica snellirebbero la corposità dei contratti di stipula, facendolo diventare più semplice da compilare.

 I parametri della index based sono efficaci e precisi al punto da consentire alla polizza di superare il limite del principio indennitario, sia integrale, senza eccedere il danno effettivo. Questo vuol dire che la volontà delle parti deve rimanere quella di rivalere l’assicurato del danno e non di riconoscergli una somma svincolata dalla sua entità.

Novità e vantaggi

La novità sta nella capacità di indicizzare l’accertamento del sinistro, del nesso causale e del danno. Questo consente alle parti di preservare la funzione indennitaria propria di una polizza, senza che debbano rinunciarvi.

I vantaggi sono indubbiamente la sostenibilità e la maggiore agibilità della polizza. Il contenimento dei costi liquidativi è il punto di forza delle polizze parametriche, laddove invece quelle tradizionali si fermano. A favorire la sperimentazione di soluzioni assicurative flessibili, sostenibili, agili e tecnologicamente evoluti ha contribuito molto la fase pandemica.

New Insurance Forum 2022: insurtech insight

L’articolo New Insurance Forum 2022: insurtech insight proviene da Le Fonti TV Official Website.

L’articolo New Insurance Forum 2022: insurtech insight proviene da Le Fonti TV Official Website.Read MoreAssicurazioni, Innovazione, Lavoro, NewInsurance TV, News, Alessio Beninati, Emanuele Pajoro, Fabio Pittana, Le Fonti New Insurance Main Event, Luigi Alicante, new insurance, Roberto AnesinNewInsurance TV – Le Fonti TV Official Website

Nuova partnership tra Despar centro sud e Yolo per la vendita di polizze assicurative digitali

Despar Centro Sud sigla un accordo con l’insuretech Yolo per l’introduzione di polizze assicurative.

Mobilità del futuro: come cambierà il business

Come sarà la mobilità del futuro? Behavioural/data driven insurance (74%), pay per mile/pay as you drive (59%) e prodotti assicurativi dedicati alla mobilità multimodale (59%) saranno le soluzioni più richieste dal mercato.

La digitalizzazione nell’industria assicurativa

IIA per promuovere l’innovazione e la digital transformation cresce nel numero di soci e di iniziative. A dimostrazione di un interesse sempre più crescente. Ma c’è ancora molto da fare.

Insurtech: la piattaforma a supporto degli intermediari assicurativi

Nasce il servizio insurtech dedicato ai professionisti del settore che unisce il meglio del mondo digitale e di quello intermediato.

Insurtech 2022: crescita per gli investimenti in Italia

L’Italian Insurtech Association prevede per il 2022 una notevole crescita nel settore dell’insurance tecnology che darà modo all’Italia di recuperare il gap sugli altri Paesi europei.

Iscriviti alla newsletter