Prendere sul serio il rischio climatico

L’attuale pandemia ha mostrato quanto velocemente i rischi globali possano moltiplicarsi e diffondersi e perché la resilienza e la gestione del rischio sono vitali per proteggere il mondo da altre minacce, e dai cambiamenti climatici in particolare. Come abbiamo appreso in prima persona negli ultimi mesi, i costi sociali ed economici della mancata preparazione a tali rischi sono troppo alti per essere ignorati

Il Covid-19 ha mostrato come un rischio globale riconosciuto da tempo ma sottovalutato possa improvvisamente materializzarsi e provocare devastazioni sociali ed economiche nel giro di poche settimane. L’implicazione è chiara: mentre il mondo è giustamente concentrato sulla lotta contro l’attuale pandemia, le imprese e i governi devono anche riconoscere e pianificare altri rischi, in particolare quello legato al cambiamento climatico, che, come una pandemia, potrebbe sconvolgere l’economia globale se non gestito correttamente. Non è una conclusione a cui arriviamo alla leggera. Al McKinsey Global Institute, abbiamo trascorso un anno a valutare i possibili impatti socioeconomici dei cambiamenti climatici nei prossimi tre decenni. Quello che abbiamo scoperto è che questi effetti esistono già e stanno aumentando, spesso in modi non lineari.
Come parte della nostra analisi, abbiamo condotto nove studi in varie regioni per valutare i potenziali effetti, collegando i modelli climatici alle proiezioni economiche in ciascun caso. Abbiamo stimato il rischio intrinseco del cambiamento climatico in assenza di azioni di adattamento e di mitigazione, per valutare l’entità della sfida ed evidenziare le ragioni per agire. I ricercatori utilizzano spesso scenari Rcp (Representative Concentration Pathway), che vanno da concentrazioni di anidride carbonica atmosferica più basse (Rcp 2,6) a concentrazioni più elevate (Rcp 8,5). Abbiamo adottato lo scenario Rcp 8,5 a emissioni più elevate per valutare il rischio intrinseco in assenza di ulteriore decarbonizzazione.

I nostri studi hanno prodotto diversi risultati chiave. In primo luogo, le società e i sistemi socioeconomici più a rischio hanno quasi raggiunto le soglie fisiche e biologiche. L’aumento dei rischi climatici può rendere tali sistemi vulnerabili quando raggiungono tali soglie, spesso con conseguente intensificazione non lineare degli effetti. Ad esempio, in uno scenario Rcp 8.5 e in assenza di azioni di adattamento, entro il 2030 tra 160 e 200 milioni di persone in India potrebbero vivere in aree con una probabilità media annua del 5% di affrontare un’ondata di calore che supera la soglia di sopravvivenza per un essere umano sano, a causa dell’aumento delle temperature e dell’umidità. Ciò potrebbe avere ricadute anche sulla proprietà viene generalmente rivalutata annualmente, i proprietari di case hanno spesso orizzonti di 30 anni o più sui loro investimenti immobiliari.
Questa discrepanza espone i proprietari di case al rischio di costi più elevati, inclusi premi in aumento (che riflettono rischi più elevati) o copertura assicurativa ridotta. In terzo luogo, i mercati finanziari potrebbero anticipare i rischi nelle regioni colpite, innescando potenzialmente la riallocazione del capitale e la revisione dei prezzi delle attività, nonché modifiche ai costi e alla disponibilità delle assicurazioni. In Florida, ad esempio, le stime basate sulle tendenze passate suggeriscono che l’aumento del rischio di inondazioni da solo potrebbe svalutare le case esposte di 30-80 miliardi di dollari, o del 15- 35%, entro il 2050, a parità di altre condizioni. Quarto, mentre il climate change ha un impatto diretto a livello locale, può avere effetti a catena in regioni lontane e settori diversi per il fatto che i sistemi socioeconomici e finanziari sono interconnessi (come accade anche oggi con il Covid-19). Ad esempio, stimiamo che il danno diretto alle risorse infrastrutturali di una grave alluvione a Ho Chi Minh City, in Vietnam, potrebbe aumentare dai circa 300 milioni di dollari di oggi a 1 miliardo entro il 2050, mentre i costi a catena per l’economia potrebbero passare da 100-400 milioni di dollari a 1,5-8,5 miliardi. Infine, il cambiamento climatico potrebbe colpire le popolazioni più vulnerabili in modo sproporzionato e potrebbe favorire la disuguaglianza avvantaggiando simultaneamente alcune regioni e danneggiandone altre. (Anche la pandemia sta aumentando la disuguaglianza in molti paesi). In particolare, gli eventi climatici potrebbero raddoppiare la probabilità di perdere i raccolti in diversi paesi entro il 2030, il che significa rese significativamente inferiori alla media nelle regioni di produzione chiave per riso, grano, mais e soia. Ciò potrebbe portare a un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, colpendo in modo più duro le comunità più povere (compresi i 750 milioni di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà internazionale). Per mitigare il rischio che il cambiamento climatico in corso metta a repentaglio più comunità ed economie, le imprese e i governi devono adattarsi ora all’inevitabile riscaldamento globale che si verificherà nel prossimo decennio a causa delle emissioni del passato. E devono decarbonizzare per ridurre i rischi a lungo termine. Il ritmo e la portata delle misure di adattamento al cambiamento climatico dovranno probabilmente aumentare in modo significativo. Le priorità dovrebbero includere la protezione delle persone e dei beni, il rafforzamento della resilienza, la riduzione dell’esposizione ai rischi climatici e la garanzia che siano in atto finanziamenti e assicurazioni adeguati. Il raggiungimento di questi obiettivi richiede oggi una pianificazione più intensa, perché l’attuazione di tali misure potrebbe essere difficile. Le cose potrebbero peggiorare nel tempo in alcune regioni, comprese quelle esposte all’innalzamento del livello del mare. Inoltre, le misure di adattamento al clima possono incontrare limiti tecnici o dare origine a difficili compromessi, tra cui chi e cosa proteggere o ricollocare.

A cura di Hauke Engel, partner alla McKinsey & Company e
Mekala Krishnan, partner al McKinsey Global Institute

Leggi anche...
Le Fonti - New Insurance TV
Directory Giuridica
Il magazine delle assicurazioni
New Insurance 17
New Insurance 15
Libro d’Oro
Libro D’Oro 2020
Le Fonti Awards - Insurance
Rimani aggiornato
I più recenti
Cambiamento climatico: la nuova sfida del settore assicurativo
Le Fonti Innovation Awards
Rate mutui, come fronteggiare il rialzo dei tassi?
Yolo e Helbiz lanciano un nuovo servizio assicurativo per la micro-mobilità
New Insurance TV

I video di Le Fonti TV sul mondo delle assicurazioni con gli approfondimenti e le interviste ai protagonisti.

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito assicurativo.