Gli italiani preferiscono la polizza casa alle coperture contro il Covid

È iniziato il periodo delle vacanze estive. Molti italiani sono già in ferie o le hanno programmate da diverso tempo. In parallelo assistiamo a una risalita del numero di contagi per Covid, la cui nuova variante Omicron 5 risulta fortemente contagiosa. I sintomi sono per lo più lievi e costringono le persone a casa per una settimana circa. La situazione politica ed economica e globale, in più, distoglie molte famiglie dal valutare un’assicurazione contro il virus. Gli italiani sembrano piuttosto molto preoccupati nel sottoscrivere una polizza casa. Infatti, da un’indagine di Prima Assicurazioni commissionata a Nielsen, emerge che l’assicurazione per proteggersi dal Covid è stata scelta da appena il 22,4% delle persone intervistate, mentre oltre il 65,4 per cento ha optato per coprirsi dai furti in casa mentre si troveranno altrove a trascorrere le vacanze.

Polizza casa e le altre coperture in crescita

Altre tutele al momento in forte crescita sono quelle per il viaggio (67,8%), vista la situazione attuale dei voli e degli scali, quelle contro eventuali danni alla propria auto o alla propria moto, (32,9%) e, infine, la copertura del proprio veicolo dal rischio di furti, indicata dal 27,6%. Anna Sanfilippo, chief marketing officer di Prima Assicurazioni, sostiene che “si torna a viaggiare e molti pensano alla polizza viaggio, ma per essere tranquilli in vacanza, ritengono anche importante assicurare dai furti la propria abitazione. Non dimentichiamoci gli italiani proprietari di cas sono l’80% ”.

Consapevole di questa sensibilità – prosegue Sanfilippo – Prima Assicurazioni, che ha iniziato lo scorso anno a sviluppare il proprio portafogli prodotti nel ramo danni oltre al segmento moto, ha appena esteso anche ai suoi agenti e broker una polizza Casa & Famiglia. L’obiettivo è rispondere con l’innovazione e la tecnologia alle esigenze degli italiani che oggi vogliono proteggere la propria abitazione, i propri beni e i propri cari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter