Metlife

MetLife nella grande distribuzione organizzata grazie alla nuova partnership con Conad

Siglato l’accordo tra la compagnia e Conad Servizi Assicurativi. La polizza infortuni targata MetLife è disponibile per i clienti del colosso della GDO

MetLife, leader mondiale nell’offerta di prodotti assicurativi, e Conad Servizi Assicurativi, intermediario nato per volontà del Consorzio Nazionale Conad, hanno siglato una partnership che consente ai possessori della “Carta Insieme” del colosso della GDO di acquistare, a condizioni agevolate, la polizza infortuni Pronto Protetto Via Special.

L’accordo si inserisce nella strategia di crescita della filiale italiana della multinazionale assicurativa, specializzata nell’offerta di prodotti di protezione della persona, che ha tra i propri piani lo sviluppo di nuove partnership anche in industry diverse da quelle tradizionalmente avvezze alla distribuzione dei prodotti assicurativi. I prodotti di protezione della famiglia e della persona costituiscono, infatti, uno strumento estremamente valido per fidelizzare la clientela delle aziende che si rivolgono al target delle famiglie, come nel caso specifico della GDO.

“In un momento di ritrovata attenzione al benessere fisico, unito alla voglia di riprendere le attività più dinamiche, come sport e viaggi, pensiamo che offrire alla propria clientela la sicurezza di una copertura assicurativa sia una strategia vincente per anticipare e rispondere ai bisogni del cliente – spiega Maurizio Taglietti, Direttore Generale di MetLife in Italia “Il nostro valore aggiunto si basa proprio sulla creazione di opportunità per i nostri partner di business, avvalendoci della nostra esperienza nella distribuzione multicanale e mettendola a disposizione di partner, come Conad Servizi Assicurativi, che hanno saputo riconoscere il valore ed il potenziale di mercato delle nostre soluzioni assicurative”.

La polizza di MetLife può essere attivata online sul sito di Conad Servizi Assicurativi (http://www.conadserviziassicurativi.it/polizza-infortuni.php). Inserendo il numero di “Carta Insieme” il cliente ha la possibilità di usufruire di uno sconto immediato del 15%, applicabile all’offerta assicurativa che meglio risponde ai bisogni e allo stile di vita della propria famiglia. Pronto Protetto Via Special, infatti, permette di personalizzare il livello di protezione, per proteggersi meglio dagli infortuni domestici, da quelli in viaggio o da quelli che possono verificarsi a chi si sposta quotidianamente per lavoro o tempo libero. I servizi inclusi contribuiscono a rendere il pacchetto ancora più versatile: dal soccorso in montagna in caso di infortunio durante il trekking o lo sci, alla fisioterapia a domicilio. La copertura, inoltre, prosegue gratuitamente per 12 mesi, in caso di eventi come la perdita di lavoro o inabilità temporanea totale che possono mettere in difficoltà economiche l’assicurato e la sua famiglia.

MetLife fuoriclasse nell’Insurance Protection

La compagnia si conferma un punto di riferimento del mercato ottenendo per il secondo anno consecutivo il riconoscimento di “Eccellenza dell’Anno Insurance Protection” in occasione della X edizione dei Le Fonti INSURANCEAwards®

MetLife, leader a livello globale nell’offerta di prodotti assicurativi, si è aggiudicata il premio come “Eccellenza dell’Anno Insurance Protection” in occasione della X edizione dei Le Fonti INSURANCEAwards® che premia le migliori realtà assicurative dell’anno.

Durante la cerimonia, svoltasi in diretta streaming ieri, giovedì 18 giugno, sono stati assegnati numerosi premi a società del settore assicurativo e a personalità del mercato, identificati dalla redazione di Le Fonti, dai lettori e telespettatori di New Insurance e di Le Fonti TV. MetLife si è contraddistinta per il secondo anno consecutivo per essere un’eccellenza del mercato e un punto di riferimento della protection in grado di offrire soluzioni assicurative nel ramo vita, malattia e infortunio. I clienti, gli intermediari e i partner di MetLife apprezzano molto la qualità del servizio, la semplicità della piattaforma informatica e la value proposition supportata da comunicazione e marketing.

Questi ultimi mesi di emergenza sanitaria causata dalla pandemia di coronavirus sono stati difficili per tutti noi. Per questo motivo, oggi più che mai, mi sento ancor più in dovere di ringraziare tutta la mia squadra per questo riconoscimento ottenuto”, dichiara Maurizio Taglietti, General Manager di MetLife in Italia. “La protezione delle persone è da sempre al centro di ciò che siamo e di ciò che MetLife rappresenta. Negli oltre 25 anni di presenza in Italia, MetLife è riuscita a consolidare il proprio business confermandosi tra i leader in un mercato altamente competitivo e questo premio ne è la prova”.

MetLife offre in Italia i suoi prodotti attraverso accordi di partnership con intermediari indipendenti e importanti istituti finanziari italiani e internazionali. Relazioni durature che testimoniano la capacità di MetLife di raccogliere le sfide del mercato, integrando canali fisici e digitali per essere più efficienti nel rispondere ai nuovi bisogni e prepararsi ad un futuro sostenibile.

 

MetLife entra a far parte dell’Italian Insurtech Association

La compagnia americana ha da subito aderito alla neonata associazione in prima linea per l’insurtech Italiano. Tra gli obiettivi ci sono l’aumento gli investimenti nel mercato assicurativo digitale e l’innovazione dei modelli di offerta e di servizio

MetLife, la compagnia leader mondiale nelle assicurazioni vita ed employee benefit, continua a credere nello sviluppo del mercato assicurativo digitale annunciando la propria adesione all’Italian Insurtech Association (IIA).

Nata lo scorso 24 marzo, l’IIA è un’entità senza scopi di lucro con l’obiettivo di accelerare la digitalizzazione del settore assicurativo attraverso la formazione tecnica, la condivisione di best practice tecnologiche, la generazione di sinergie tra gli associati e confronto con le istituzioni nazionali e internazionali.  Una missione sistemica sintetizzata nel claim “Enabling Insurtech Ecosystems”.

MetLife è tra le prime società che hanno creduto in questa realtà e nel suo importante ruolo. “Siamo consapevoli dell’importanza strategica dell’insurtech – spiega Maurizio Taglietti, General Manager di MetLife in Italia – e proprio per questo motivo abbiamo accolto di buon grado l’iniziativa dell’IIA. La nostra industria ha bisogno di un’accelerazione nell’adozione di modelli di offerta digitale, non per competere con quelli già esistenti, ma per completarli rendendoli più aderenti alle aspettative dei consumatori. Siamo convinti che un’azione corale di tutti i soggetti dell’industry in Italia, dalle compagnie ai broker passando per le banche e gli intermediari, possa contribuire a colmare il gap che separa il nostro Paese da altri mercati e portare valore a tutti gli operatori della filiera e, naturalmente, al cliente finale”.

La decisione dell’Italian Insurtech Association di mettere insieme tutte le anime del variegato mondo del settore assicurativo per promuoverne la digitalizzazione nasce dall’evidenza che le compagnie digitali presentano ancora una scarsa diffusione in Europa. Secondo i dati forniti dall’Osservatorio Fintech&Insurtech del Politecnico di Milano soltanto l’1/2% della raccolta premi nel Vecchio Continente avviene attraverso canali digitali anche se il gradimento degli utenti per l’insurtech è elevato: 9 persone su 10, infatti, mostrano predisposizione per le assicurazioni on demand. Come se non bastasse, secondo l’EY FinTech Adoption Index 2019, il 95% degli intervistati italiani dichiara di essere a conoscenza della presenza sul mercato di servizi insurtech ma solo il 17% ha usato finora uno smart device collegato all’assicurazione, come ad esempio la scatola nera dell’automobile. Sono ancora meno, il 15%, a fare uso delle assicurazioni app-only.

L’IIA fa parte di un network internazionale di associazioni: la Global Insurtech Association che si prefigge l’obiettivo di accelerare la creazione di best practice internazionali.

 

MetLife in prima fila con l’ONU per l’inclusione delle diversità

La compagnia assicurativa è stata la prima negli Usa a firmare i “United Nations Women’s Empowerment Principles” per promuovere l’uguaglianza di genere. Nella filiale italiana il 40% di donne riveste ruoli di middle management e si registra il 44% di presenza femminile nel comitato direttivo

 

MetLife è la prima compagnia assicurativa basata negli Stati Uniti ad aderire ai principi per l’empowerment femminile sanciti dalle Nazioni Unite, una serie di impegni istituiti da UN Women e UN Global Compact con l’obiettivo dichiarato di promuovere l’uguaglianza di genere nei luoghi di lavoro e nella società. A comunicarlo il Presidente e CEO di MetLife, Michel Khalaf, nel corso di una conferenza sulla diversità tenutasi nei giorni scorsi a New York.

Khalaf per l’occasione ha annunciato la formazione in MetLife di un team dedicato al rafforzamento dell’uguaglianza di genere che avrà lo scopo di collaborare con il Palazzo di Vetro per identificare eventuali lacune nel campo delle assunzioni, della conservazione del posto di lavoro, degli avanzamenti di carriera, della remunerazione e lavorare per colmarle.

Il supporto di MetLife all’uguaglianza di genere riflette il nostro obiettivo di costruire un futuro più sicuro per tutti“, ha affermato Khalaf. “Dare potere alle donne rappresenta più di un valore fondamentale per noi: consiste in un elemento chiave della nostra strategia aziendale. La collaborazione con le Nazioni Unite ci aiuterà a rafforzare la nostra attenzione e a portare il nostro impegno a un livello successivo ancora superiore“.

Ecco i principi dell’empowerment femminile individuati dalle Nazioni Unite:

  • Principio 1: stabilire una leadership aziendale di alto livello per la parità di genere
  • Principio 2: trattare donne e uomini in modo equo sul lavoro, rispettando e sostenendo i diritti umani e la non discriminazione
  • Principio 3: garantire salute, sicurezza e benessere di tutte le donne e gli uomini che lavorano in azienda
  • Principio 4: promuovere istruzione, formazione e sviluppo professionale per le donne
  • Principio 5: sostenere uno sviluppo imprenditoriale, un indotto e azioni di marketing che favoriscono l’empowerment femminile
  • Principio 6: promuovere l’uguaglianza di genere attraverso iniziative e patrocini
  • Principio 7: misurare, documentare e pubblicare i progressi aziendali nella promozione della parità di genere

Da diversi anni anche in Italia MetLife ha fatto proprio l’impegno nel campo della diversity & inclusion. “Oggi – ha dichiarato Maurizio Taglietti, General Manager di MetLife in Italia – siamo orgogliosi di toccare con mano i benefici dei progressi che abbiamo compiuto. Abbiamo centrato l’obiettivo dell’equilibrio di genere nel team esecutivo, ma non ci accontentiamo e vogliamo andare oltre per promuovere una forte cultura della diversità e dell’inclusione non solo all’interno dell’azienda. Abbracciamo appieno questi principi per l’empowerment femminile perché totalmente in linea con la nostra visione di business sostenibile e, cosa più importante, di una società più giusta”.

La filiale italiana di MetLife può contare sul 40% di donne che rivestono ruoli di middle management e sul 44% di presenza femminile nel comitato direttivo. Prendendo in considerazione i livelli di inquadramento, la quota di donne funzionario nella compagnia in Italia è del 56%.

Per ulteriori informazioni sull’impegno di MetLife per l’uguaglianza di genere e le sue attività di responsabilità aziendale, visitare www.metlifeglobalimpact.com.

 

 

 

MetLife lancia la polizza infortuni “pronto protetto via special”

La nuova polizza infortuni targata MetLife consente ai clienti di personalizzare la protezione in base alle proprie abitudini e stili di vita, promuovendo anche i comportamenti eco-sostenibili

Ogni consumatore è diverso e, soprattutto per coloro che cercano una soluzione alle proprie esigenze sul web, la risposta è una sola: massima personalizzazione. Ecco perché MetLife, leader a livello globale nell’offerta di prodotti assicurativi, ha rinnovato la propria offerta infortuni dedicata ai clienti on-line puntando su questa caratteristica. Nasce così Pronto Protetto Via Special, la nuova polizza infortuni di MetLife che offre una protezione contro gli infortuni a 360 gradi, sia al lavoro sia nel tempo libero, e si distingue per la possibilità di aumentare il livello di protezione nelle situazioni che più caratterizzano le abitudini del cliente, grazie alle opzioni che vanno ad intercettare i trend più diffusi quali i viaggi, le attività domestiche e la mobilità urbana.

La polizza prevede un pacchetto base – denominato Active – che include, in caso di infortunio, indennizzi per i giorni di ricovero, convalescenza post ricovero, ingessatura o immobilizzazione ed il rimborso delle spese mediche sostenute.

In aggiunta agli indennizzi e ai rimborsi, gli assicurati possono beneficiare di utili servizi di assistenza per affrontare le emergenze, tra i quali, ad esempio il soccorso in montagna in caso di infortunio sugli sci o durante le escursioni oppure la disponibilità di un consulto medico h24 o la fisioterapia a domicilio.

I sottoscrittori possono poi arricchire il pacchetto Active, scegliendo le opzioni aggiuntive di Pronto Protetto Via Special che consentono di raddoppiare le somme assicurate:

OnTheMove è la scelta migliore per chi è in continuo movimento. Si tratta di una versione ampliata delle coperture infortuni della circolazione stradale, che comprende i mezzi di trasporto pubblici (bus, treno, traghetti) e privati (auto, moto, bicicletta), andando a includere anche le modalità per spostarsi più ecologiche, come treno e bicicletta. Con questa opzione le somme assicurate previste in caso di ricovero e ingessature vengono raddoppiate.

  • Globetrotter è la scelta più adeguata per le persone che sono spesso in viaggio fuori dall’Italia, sia per lavoro, sia per vacanza. In caso di ricovero per un infortunio avvenuto all’estero, la somma assicurata giornaliera raddoppia.
  • HomeLover è pensata espressamente per chi ama trascorrere gran parte del proprio tempo a casa, per proteggersi dai rischi delle attività quotidiane o del bricolage, prevede il raddoppio delle somme assicurate in caso di ricovero, convalescenza e ingessatura nel caso di infortunio avvenuto all’interno dell’abitazione di residenza.

La polizza, inoltre, offre ai sottoscrittori l’ulteriore vantaggio di beneficiare della copertura gratuitamente in caso di difficoltà economiche, dovute alla perdita di lavoro o all’inabilità temporanea totale. In questo caso il pagamento dei premi può essere interrotto fino a un totale di 12 mesi nel corso dei quali, però, le coperture restano attive.

“Con il lancio di Pronto Protetto Via Special dichiara Laura Balla, Head of Marketing and Communication – MetLife dimostra la sua attenzione alle esigenze dei consumatori in un contesto in cui molte abitudini e stili di vita stanno cambiando. Abbiamo voluto offrire protezione ai nostri clienti nel lavoro e nel tempo libero con un punto di vista diverso, anche perché queste situazioni si presentano in modo diverso rispetto a qualche anno fa. Pensiamo agli spostamenti in città: la mobilità su due ruote che si è evoluta anche grazie ai servizi in sharing o ai servizi di delivery, ma anche a chi passa tanto tempo in casa, perché vi lavora svolgendo attività da freelance”.

La copertura può essere estesa anche al partner e all’intero nucleo famigliare, compresi i figli fino a 26 anni di età.

Infine, MetLife ha messo a punto un sistema di acquisto semplice e veloce: una volta composta la combinazione di polizza preferita, il cliente potrà essere ricontattato e procedere all’acquisto direttamente al telefono.

MetLife sempre ai vertici per apprezzamento da parte degli intermediari. NPS 16 volte superiore alle altre compagnie

Il Net Promoter Score della compagnia è a quota 39,8. I partner distributivi soddisfatti in particolare dei prodotti e della facilità d’uso degli strumenti informatici

 

Gli intermediari apprezzano sempre di più MetLife. È quanto emerge dall’edizione 2019 della ricerca annuale sulla soddisfazione degli intermediari svolta dalla compagnia leader a livello mondiale nell’offerta di prodotti assicurativi specializzata in Italia nell’offerta di soluzioni protection (vita di rischio e salute).

Gli intermediari indipendenti che distribuiscono le soluzioni vita e infortuni di MetLife promuovono la compagnia assegnandole un eccellente punteggio di NPS (Net Promoter Score): 39,8. L’indicatore che misura la qualità nella relazione tra compagnia e rete ha registrato una crescita rispetto all’anno scorso, quando con un punteggio di 37,8, MetLife già si attestava a livelli superiori alla media. Nel 2019 MetLife supera di oltre 16 volte la valutazione assegnata agli altri marchi e di quasi tre volte quella di mercato.

La crescita di gradimento maggiore si evidenzia tra gli agenti, per i quali l’NPS passa dal 39,1 al 52,4. Inoltre, MetLife si conferma ancora una volta come un punto di riferimento per i propri partner nelle polizze TCM (Temporanea caso morte): 9 intermediari su 10 considerano MetLife la compagnia con i migliori prodotti vita di puro rischio. Libera Mente Più, la polizza TCM per proteggere il tenore di vita familiare, Mutuo Vivo, polizza vita per chi ha esigenza di proteggere il mutuo e New Protection, prodotto vita pensato per professionisti e aziende, hanno registrato infatti elevati livelli di soddisfazione per via della competitività delle tariffe e delle procedure assuntive.

Gli intermediari hanno valutato molto positivamente in particolare i prodotti, la facilità d’uso degli strumenti informatici, la remunerazione. In forte crescita anche l’apprezzamento della formazione. Da evidenziare che le valutazioni relative a MetLife sono nettamente maggiori della media dei competitor. Gli intermediari della classe di anzianità superiore mostrano un NPS di dieci punti superiori alla media, a dimostrazione di un’attenzione ai partner distributivi costante nel tempo che ha comportato un rafforzamento ulteriore della relazione di fiducia. Non a caso gli intermediari che operano con MetLife hanno ormai superato il migliaio tra broker, agenti e subagenti con un trend di crescita in costante aumento.

“Anche quest’anno – ha dichiarato Maurizio Taglietti, General Manager per MetLife in Italia – i risultati evidenziano concretamente quanto valido sia il nostro modello distributivo fondato su partnership indipendenti. In pochi anni abbiamo instaurato relazioni durature e fruttuose con gli intermediari, grazie alla qualità dei nostri prodotti e all’attenzione che riserviamo a chi, come noi, crede nel valore del comparto della Protection sia per l’industry assicurativa, sia per il cliente finale”.

 

Nota metodologica:

La ricerca è il frutto di un’indagine che ha coinvolto un campione di 283 intermediari che lavorano con MetLife ed è stata effettuata dalla società di ricerca e consulenza Innovation Team (Gruppo Mbs Consulting) fra marzo e aprile del 2019 per valutare il grado di soddisfazione, di fidelizzazione e il posizionamento rispetto agli altri mandati e marchi con cui gli intermediari indipendenti (agenti, broker e subagenti) collaborano. Il Net Promoter Score è misurato con una scala da 0 a 10, in cui solo i rispondenti che assegnano punteggi uguali o superiori a 9 sono considerati promoter.

Il benchmark di mercato è tratto dall’indagine periodica di Innovation Team “il cambiamento dell’intermediazione ed il punto di vista degli agenti” realizzata tramite 2.500 interviste per monitorare lo stato d’evoluzione del contesto distributivo, le forme di intermediazione e il posizionamento competitivo dei marchi principali.

Community Week: MetLife torna in campo per la solidarietà

I dipendenti della compagnia assicurativa in Italia parteciperanno all’organizzazione dei Play the Games 2019 e saranno coinvolti nella Special Olympics European Football Week 2019

MetLife scende in campo per la solidarietà. La compagnia, leader a livello globale nell’offerta di prodotti assicurativi, ha annunciato il rinnovo della partnership con le organizzazioni Special Olympics e Habitat for Humanity con l’obiettivo di coinvolgere i dipendenti dell’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) in iniziative di volontariato.
Sono oltre 4mila i dipendenti di 26 paesi che hanno la possibilità di praticare sport a fianco di atleti con disabilità in occasione della Community Week oppure di partecipare a iniziative che mirano al recupero o alla costruzione di edifici in aree degradate. In Italia il programma prevede 4 appuntamenti in diverse località: Roma, Milano e Lodi.

I dipendenti MetLife saranno impegnati in prima persona nei Play the Games 2019, l’iniziativa che coinvolge 3000 atleti pronti a sfidarsi in 16 discipline sportive, realizzata per consentire alle persone con disabilità intellettiva di mettersi alla prova e di scoprire i loro punti di forza, promuovendo una reale cultura dell’inclusione che educa alla comprensione e alla valorizzazione della diversità in ogni sua più ampia espressione. Dai Play The Games usciranno poi i campioni chiamati a partecipare agli eventi internazionali.

Il 15 giugno a Roma, presso Caserma Gelsomini di via Portuense, tutti in vasca per le gare di nuoto. I dipendenti della compagnia assicurativa, assieme ai loro famigliari e amici, daranno il loro sostegno vestendo i panni dei volontari nell’organizzazione della giornata, dal supporto logistico alla premiazione degli atleti.

I dipendenti MetLife in Italia scenderanno letteralmente in campo anche nel corso della Special Olympics European Football Week 2019. Due rappresentative aziendali, quella romana e quella milanese, infatti, parteciperanno a una seduta di allenamento di calcio a 5 Unificato del team Special Olympics. Il primo appuntamento è previsto a Roma, il 28 maggio, con il team Special Olympics Tevere Remo. La settimana dopo, il 5 giugno, calcio di inizio a Milano con il team Special Olympics Tukiki.

Il progetto è finanziato dalla Fondazione MetLife, il “braccio” filantropico della compagnia assicurativa che vanta una ricchissima tradizione di iniziative con lo scopo di promuovere il miglioramento della qualità della vita e la creazione di opportunità a vantaggio di coloro i quali si trovano in condizioni di disagio.

Siamo onorati di aver costruito questa stretta partnership pluriennale con Habitat for Humaniity a Special Olympics. Più di 750 persone in oltre 20 paesi dell’area – ha dichiarato Dirk Ostijn, Presidente della regione EMEA di MetLife – hanno prestato la loro opera volontariamente lo scorso anno e siamo certi che anche oggi non faranno mancare il loro apporto. Il progetto Community Week offre loro una fantastica opportunità di sostenere la comunità i cui vivono e lavorano”.

Mary Davis, CEO di Special Olympics, ha aggiunto: “I volontari sono la spina dorsale della nostra organizzazione. E’ grazie al loro entusiasmo e al loro impegno che siamo in grado di celebrare ogni atleta di Special Olympics e costruire comunità più inclusive. Siamo entusiasti di dare ancora una volta il benvenuto ai dipendenti MetLife in tutta Europa e in Medio Oriente durante la Community Week di quest’anno“.

Gli italiani temono le malattie ma in pochi sottoscrivono una polizza vita

La tutela dei propri cari e l’incertezza per il futuro sono i fattori che spingono le persone a prendere in considerazione la sottoscrizione di una polizza vita

Le malattie cardiovascolari e l’ictus sono le patologie più temute dagli italiani. Il dato emerge dalla ricerca condotta da Nielsen per conto di MetLife, compagnia leader a livello mondiale nell’offerta di prodotti assicurativi, su un campione di 1.000 potenziali nuovi sottoscrittori, di età compresa fra i 35 e i 55 anni. Il 41% delle persone intervistate è, infatti, preoccupato dalle patologie a carico del sistema cardiovascolare e per questo sarebbe disposto a sottoscrivere una garanzia assicurativa a pagamento. Tra le malattie più temute seguono i tumori femminili (35%) e quelli a carico dell’apparato digerente (34%).

Inoltre, nella classifica di motivi per cui gli italiani si avvicinano alle polizze assicurative, compaiono la protezione del proprio partner (21%), la riduzione delle tasse di successione per gli eredi (14%), la protezione degli investimenti (12%) e il mantenimento di altri membri della famiglia (10%). Dalla ricerca emerge una curiosità: il 44% degli italiani è d’accordo all’inserimento di una garanzia a pagamento in una polizza vita per ottenere una somma aggiuntiva in caso di incidente stradale, a conferma di quanto la circolazione veicolare sia percepita come un potenziale pericolo.

Il crescente interessamento nei confronti di questi prodotti e la maggiore consapevolezza riguardo la necessità di contare su un’adeguata copertura assicurativa (il 15% del campione intervistato dichiara di volerne sottoscrivere una nell’arco dei prossimi 12 mesi) fa ben sperare per il futuro del settore. La conferma proviene dall’analisi delle ragioni di questo progressivo interesse che dovrebbe portare all’acquisto di una polizza assicurativa: per il 79% degli italiani la prima causa è la protezione dei propri cari, mentre al secondo e al terzo posto si posizionano il benessere dei propri figli (31%) e la loro istruzione (28%).

Gli spazi di crescita, quindi, sono molto ampi: Nielsen, infatti, ha rilevato che il 24% degli italiani attivi su Internet fra i 35 e i 55 anni ha acquistato una polizza vita caso morte o legata al mutuo. Questa percentuale raggiunge il 34% nel caso in cui si considerino le polizze vita (di investimento e a copertura del mutuo). Guardando i dettagli delle polizze sottoscritte, il capitale assicurato in media si attesta a 105 mila euro mentre il premio medio annuo è di circa 898 euro.

Notiamo come in Italia persista ancora una distanza tutta da colmare fra la consapevolezza della necessità di assicurarsi contro gli imprevisti della vita e la concreta sottoscrizione di un prodotto assicurativo. Le compagnie”, sottolinea Laura Balla, Head of Marketing and Communication di MetLife in Italia, “sono però chiamate a impegnarsi, anche in chiave educational, affinché nel nostro Paese si rafforzi una solida cultura della protezione, sfruttando il maggiore interesse nei confronti dei prodotti vita espresso da una fetta crescente della popolazione”.

Metlife torna con la campagna “vivi al 100%”

Al via il nuovo flight della campagna pubblicitaria online che esorta a vivere a pieno e ad affrontare con serenità i momenti meno piacevoli

MetLife, la compagnia leader a livello mondiale nell’offerta di prodotti assicurativi, ritorna sui canali digitali con il nuovo flight della campagna pubblicitaria “Vivi al 100%”: un messaggio semplice ma vincente che invita a prendere coscienza dell’importanza di dotarsi di una copertura assicurativa.

Proponendo un approccio positivo alla vita, la campagna si ispira al concetto di “Vivi la vita al 100%” esortando le persone a prendere il meglio dalla vita, compiendo le scelte giuste per gestire le situazioni meno piacevoli con serenità e limitandone le conseguenze negative. Il video originale della durata di 30 secondi, che dà il via alla campagna, verrà declinato sulla base delle varie fasi e situazioni della vita che le persone si trovano ad affrontare (hobby, vita di coppia, impegni familiari e professionali).

MetLife ha scelto di veicolare la propria campagna sui canali Facebok e YouTube, coerentemente con l’importanza che la società ha dato ai social media. La Compagnia, infatti, ha investito molto nella comunicazione digitale e i social media vengono utilizzati come un valido strumento per educare, attrarre e assistere i propri clienti.
Con il precedente passaggio della campagna “Vivi al 100%” sul canale Facebook, MetLife aveva ottenuto ottimi risultati sul fronte della brand awareness e un buon rapporto costi/benefici in termini di lead generation. Inoltre, il video si è dimostrato un ottimo strumento per attrarre il pubblico che ha interagito in modo molto positivo.

Da un anno a questa parte abbiamo cambiato il nostro modo di comunicare, presentandoci con un’immagine più concreta e umana. La protezione della famiglia e dei propri cari – afferma Laura Balla, Head of Marketing and Communication di MetLife in Italia – è da sempre il cuore della nostra attività e la campagna vuole raccontare come MetLife può essere un alleato per affrontare le fasi delicate della vita, permettendo di viverne, appunto, ogni momento al 100%”.

MetLife ha scelto Digital Angels, agenzia di web marketing, per la diffusione della campagna. La strategia adottata consiste soprattutto nell’utilizzo di Youtube come canale principaleattraverso i formati innovativi bumper ads e true view for action. La targettizzazione sarà granulare su tutte le tipologie di potenziali clienti, attraverso le tecnologie Google e Facebook, avvalendosi anche degli strumenti di retargeting e sfruttando Facebook come canale di lead generation e di supporto alle campagne sul motore di ricerca.

Il video pubblicitario, declinato nei formati 30 e 6 secondi, rimarrà online per circa un mese a partire dal 5 novembre e sarà supportato da una pianificazione di messaggi di prodotto su Google e Facebook. Di seguito il link al video della campagna: https://youtu.be/fXiuZs4PLCU

Olimpia Agency e MetLife, insieme… per la “vita”

Nell’ottica di un ampliamento della già vasta gamma di prodotti offerti, Olimpia Agency pensa ai progetti personali dei propri clienti e, al fine di offrire loro strumenti concreti per proteggere il tenore di vita e la salute, decide di affiancare il proprio nome a quello di MetLife

Olimpia Agency sigla un importante accordo con il colosso statunitense MetLife, fondato un secolo e mezzo fa a New York, che opera in oltre 50 paesi nel mondo e che nel 2017 ha realizzato profitti per $3,6 billion con un ROE del 5,9%. Il nome di MetLife è oggi sinonimo di qualità e affidabilità per la protezione personale, familiare ed aziendale, grazie all’offerta di assicurazioni vita, di prodotti di risparmio e nelle soluzioni di Welfare aziendale (Employee Benefits) scelta da oltre 100 milioni di clienti al mondo.
“Un’altra freccia nell’arco di Olimpia” – ha affermato il CEO di Olimpia Agency S.p.A., Alessandro Di Virgilio – “che ci permetterà di assistere al meglio i nostri clienti, di pensare alle loro famiglie e alle scelte importanti che si apprestano a compiere, offrendo loro l’opportunità di vivere appieno la propria vita e di affrontare progetti futuri in assoluta tranquillità”.
La partnership con MetLife conferma, quindi, il trend di Olimpia nella ricerca delle migliori soluzioni e dei migliori partner, in un percorso di crescita e fidelizzazione clienti sempre più globale e qualitativamente elevato.