Polizze per avvocati, da obbligo a facoltà

Il ministero della Giustizia, accogliendo un’istanza del Consiglio nazionale forense, ha scelto di rimettere la decisione di sottoscrivere un’assicurazione contro gli infortuni (a sé e ai propri collaboratori) all’autonomia dei singoli studi legali e professionisti. Un’occasione mancata per le compagnie.

«Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha condiviso le osservazioni formulate dal Consiglio nazionale forense sull’esigenza di rimettere all’autonomia dei singoli avvocati ogni determinazione sulla stipula della polizza infortuni, ordinando all’ufficio legislativo del proprio dicastero di elaborare una proposta di modifica in tema di esenzione dell’avvocato dall’obbligo assicurativo per gli infortuni, sia a favore di se stesso che dei propri collaboratori, peraltro già provvisti della copertura Inail in quanto lavoratori subordinati». Con questa nota sul sito internet del Cnf è probabilmente sceso il sipario sulla tanto discussa polizza obbligatoria per gli avvocati.

Per leggere interamente il presente articolo occorre essere abbonati all’edizione cartacea http://www.newinsurance.it/abbonamenti/
 

Leggi anche...
Le Fonti – New Insurance TV
Libro d’Oro
I più recenti
Mercato assicurativo e bond catastrofe: un giro da 15 miliardi di dollari
Italian Insurtech Association: gli eventi più importanti per il 2024
Clima: l’esodo degli investitori dall’alleanza Climate Action 100+
Scatta l’estensione dell’obbligo assicurativo anche ai veicoli fermi

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito assicurativo.