Patrick Cohen

AXA Italia va oltre l’assicurazione: con la nuova piattaforma Salute

Un ecosistema di servizi integrati per offrire al cliente un’esperienza unica sul mercato

AXA Italia arricchisce l’ecosistema di servizi innovativi nella gestione dei sinistri con “Caring Angel CAT NAT”

Vicinanza, zero stress, supporto dedicato: tramite questo servizio è possibile ricevere, grazie a una sola chiamata

AXA Italia per un futuro più sostenibile e resiliente

AXA Italia inaugura la “CR week 2020” siglando una partnership con l’Unesco sul tema del mare e della biodiversità

AXA Italia dal 17 settembre è Main Partner di X Factor, a sostegno dei giovani e del talento

Molte le sorprese legate al brand AXA, tra cui una special manche su un tema di carattere sociale e una “AXA Zone” dedicata agli artisti

Grazie a Brand Solutions, dipartimento di Sky Media, e Fremantle, dal 17 settembre il Gruppo AXA Italia sarà protagonista, in qualità di Main Partner, di X Factor 2020, lo show musicale di Sky prodotto da Fremantle, in onda da giovedì 17 settembre alle 21.15 su Sky Uno, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW TV; il venerdì, in prima serata, su TV8.

“Siamo entusiasti di essere il partner principale della nuova edizione di X-Factor, da anni un gigante di ascolti della TV italiana, capace di rinnovarsi e di riunire tutte le generazioni intorno all’amore per la musica – ha dichiarato Patrick Cohen, CEO del Gruppo assicurativo AXA Italia. X-Factor, così come AXA, promuove il talento, la passione e il credere in se stessi in pieno allineamento con la promessa della nostra marca: Know You Can. AXA è partner dei propri clienti per aiutarli a realizzare le proprie ambizioni”.

In una fase di cambiamento epocale e di ripartenza per l’intero Paese, il Gruppo ha scelto ancora una volta la strada del sostegno al talento e alle ambizioni dei giovani, affinché nonostante le difficoltà non si arrendano e continuino a coltivare i loro sogni, le loro ispirazioni e passioni.

Una scelta in linea con la brand promise “Know You Can”, che spinge a credere in se stessi come motore di ogni percorso e con l’impegno ad essere partner delle persone e a sostenere la ripresa del Paese.

AXA sarà protagonista in tutti i momenti chiave del programma, dai backstage ai live, fino alla finale e durante gli appuntamenti quotidiani che accompagnano i ragazzi nel loro percorso; ci saranno inoltre iniziative inedite, tra cui una manche completamente “firmata AXA” su un tema di carattere sociale e una “AXA Zone” all’interno dell’headquarter X Factor, uno spazio dedicato ai talenti per l’interazione e momenti musicali.

Molte le iniziative di engagement anche per i clienti e i collaboratori di AXA Italia così da far sentire tutti coinvolti ed uniti a fianco delle nuove generazioni e del talento.

Per dipendenti e agenti ci saranno quiz e contest a premi, che daranno la possibilità di ricevere premi targati X Factor, su temi da sempre centrali per AXA, come il talento, la sostenibilità e la centralità del cliente.

Inoltre dal 1° Ottobre, per i clienti AXA Italia[1] partirà «Vinci X Factor con AXA», contest attivo fino al 18 novembre, a cui si potrà accedere tramite l’app My AXA. In più, ogni giorno, instant win con gadget autografati dai giudici di X Factor e tanti altri premi.

Per maggiori informazioni: https://www.axa.it/xfactor

Per seguire sui social le iniziative di AXA Italia: #axafactor.

[1] Clienti AXA Assicurazioni, AXA MPS Vita e Danni.

AXA Italia dà ulteriore impulso alla squadra di direzione, con due nuovi ingressi nell’Executive Committee

Anna Maria Ricco assume il ruolo di Chief Transformation Officer, Chiara Soldano sale al ruolo di Health Director

Il Gruppo AXA Italia, dal 1° settembre, ha nominato Chief Transformation Officer della Capogruppo AXA Assicurazioni S.p.A. Anna Maria Ricco, 51 anni, una laurea in Informatica presso l’Università degli Studi di Milano e oltre 20 anni di esperienza maturata inizialmente come strategic consultant in importanti società di consulenza, tra cui Andersen Consulting e McKinsey&Company e, negli ultimi quindici anni, come manager di alto livello presso importanti istituti finanziari, tra cui Unicredit e BPM.

Anna Maria Ricco avrà il compito di guidare e accelerare, in tutte le imprese del Gruppo, il percorso strategico di trasformazione, modernizzazione e semplificazione, su cui AXA Italia da tre anni sta continuando ad investire in modo molto significativo, con l’ambizione di continuare ad essere pioniera sul mercato assicurativo.

Chiara Soldano, 43 anni, già in AXA Assicurazioni dal 2016 come Head of Underwriting Broker e dal 2018 con ruoli di crescente responsabilità quali Head of Liability & International per tutte le linee (property, liability, engineering e surety) e stream leader del progetto di unificazione con AXA XL, assume la carica di Health Director.

Nel suo nuovo incarico, in AXA Assicurazioni ed in AXA MPS Danni, avrà la responsabilità di accelerare lo sviluppo del comparto Salute, ambito chiave per il Gruppo AXA e centrale per la società in questo momento storico, focalizzandosi in particolare su servizi innovativi di prevenzione e protezione e sui nuovi servizi legati alla diagnostica, contribuendo così alla trasformazione del Gruppo da payer a partner e dar modo di seguire i clienti dall’inizio alla fine del percorso sanitario.

Anna Maria Ricco e Chiara Soldano riportano al CEO del Gruppo AXA Italia, Patrick Cohen.

AXA Italia punta su sicurezza e benessere psicofisico dei collaboratori

Nel corso dell’emergenza Covid-19, il Gruppo assicurativo AXA Italia ha sempre mantenuto la piena operatività attraverso il lavoro 100% da remoto e per la Fase 3 lancia nuove iniziative per i dipendenti

“Preservare la salute dei colleghi è stata fin da subito la priorità assoluta per AXA Italia e ora in questa nuova normalità vogliamo continuare con lo stesso spirito – ha dichiarato Patrick Cohen, CEO del Gruppo assicurativo AXA Italia – Per questa ragione continuiamo ad impegnarci in iniziative concrete di protezione, come ad esempio la possibilità di effettuare gratuitamente su base volontaria i migliori test sierologici e l’estensione dello smart working come norma fino al 15 settembre. Inoltre, per rendere la vita più facile ai dipendenti al momento del rientro offriremo agevolazioni per servizi di assistenza domestica, sessioni di rilassamento fisico e mentale per gestire l’eventuale ansia e abbonamenti di bici condivise, perché vogliamo che AXA sia la “casa fuori dalla casa”.

In prima linea con una serie di misure tempestive messe in campo a tutela delle proprie persone all’inizio dell’emergenza sanitaria Covid-19, AXA Italia è già al lavoro sulla Fase 3 con nuove iniziative che mettono ancora al centro la salute e il benessere psicofisico delle persone e servizi innovativi per gestire al meglio il rientro in azienda.

Tra i primi ad aver esteso lo smart working, il Gruppo ha scelto di prolungare questa modalità almeno fino al 15 settembre, consentendo nel frattempo la riorganizzazione della vita familiare e lavori di adeguamento delle sedi, così da garantire il distanziamento attraverso una nuova disposizione degli spazi.

La tutela della salute continua ad essere la priorità: per questo il Gruppo AXA Italia annuncia l’introduzione su base volontaria per tutti i circa 1800 dipendenti, di test sierologici tra i più attendibili e qualificati presenti sul mercato, grazie alla collaborazione con CIDIMU, partner di prestigio e all’avanguardia in Italia in tecnologia e qualità del servizio, facendo leva sul Centro Diagnostico CRP-AXA e sulle strutture convenzionate SynLab. L’opportunità riguarda anche i famigliari eventualmente inclusi nella copertura sanitaria dei dipendenti.

Inoltre in questa fase di lavoro da remoto, sia i dipendenti che gli agenti AXA possono continuare ad usufruire di uno sportello di counselling virtuale con esperti psicologi e di formazione a distanza con oltre 15.000 corsi gratuiti, lezioni di yoga e corsi di mindfulness.

Da settembre, inoltre, per facilitare la vita a casa e in ufficio, sono previste nuove iniziative: sessioni di rilassamento fisico e mentale alla scrivania per gestire l’eventuale stress e l’ampliamento della scelta di servizi welfare, in ottica di fornire un sostegno anche pratico alle famiglie.

La sicurezza e la vicinanza passano anche attraverso dispositivi digitali per la gestione dei flussi in ingresso in ufficio e accordi con società di bike sharing per favorire la mobilità sostenibile e la riduzione dell’uso dei mezzi pubblici.

 

AXA Italia: con Angels For Women al via la prima selezione 2020 delle migliori startup al femminile

Tra le numerose candidature, sono tre le start up che, presentando idee innovative sui grandi temi caldi per gli italiani, ambiente, salute, inclusione, hanno superato la valutazione del comitato di screening: Prometheus, Cynomys, Dress You Can

Si è tenuto ieri il primo pitch 2020 per la selezione delle start up che potrebbero essere supportate con investimenti fino a 500.000 Euro da parte delle business Angels di “Angels For Women”, associazione fondata a fine 2018 dal Gruppo assicurativo AXA Italia e Impact Hub Milano.

Lo sviluppo di nuove tecnologie o mezzi di produzione sostenibili per la salvaguardia del pianeta è una delle grandi sfide del prossimo futuro. E lo è anche per le imprese, in un contesto di nuovi bisogni da parte della clientela che sempre più pone in cima alle priorità la difesa dell’ambiente, la salvaguardia della salute e l’inclusione.

Uno dei fenomeni più interessanti è oggi lo sviluppo di startup innovative, anche femminili, attente al tema dell’impatto ambientale o ad alto valore tecnologico del settore energetico, ambientale e della salute.

Il Gruppo AXA Italia pone da sempre questi temi in cima alle sue priorità, sostenendo concretamente idee innovative e startup che possano avere un impatto positivo sulla società.

In questo percorso, si è tenuto ieri il primo pitch 2020 per la selezione delle start up che potrebbero essere supportate con investimenti fino a 500.000 Euro da parte delle business Angels di “Angels For Women”, l’associazione a maggioranza femminile creata da AXA Italia con Impact Hub Milano, per supportare donne imprenditrici.

Tra le numerose candidature, tre sono le start up che puntando su innovazione e tecnologia sui grandi temi caldi per gli italiani, hanno superato la valutazione del comitato di screening e hanno avuto l’opportunità di essere ascoltate dalle possibili investitrici.

Prometheus, fondata da Alice Michelangeli, ha ideato un sistema automatizzato che crea un patch per la cura delle ferite cutanee partendo dal sangue del paziente, dimezzando i tempi di guarigione ed evitando le cicatrici; Cynomys, guidata dal CEO Enrico Carta e con un team femminile (Fabiana Surace e Ambra Milani) propone invece una soluzione loT per il monitoraggio ambientale degli allevamenti, mentre Dress You Can di Caterina Maestro ha creato un sistema di noleggio online e offline di abbigliamento di alta moda per dare la possibilità a tutti di indossare almeno una volta l’abito dei propri sogni , mettendo anche a disposizione showroom e consulenti.

Dal lancio a fine 2018, sono state numerose le azioni concrete messe in campo da Angels For Women e in poco tempo sono stati realizzati importanti investimenti: Orange Fiber, che produce tessuti sostenibili con le bucce d’arancia, ha ricevuto un investimento di 100.000 euro, mentre EcoSteer (settore IoT e blockchain) ha ottenuto un percorso di incubazione di eccellenza del valore di 50.000 euro presso Impact Hub Milano e mentoring da parte delle socie di A4W.

Ma le azioni concrete, non finiscono qui: in questo primo anno, infatti, Angels For Women ha investito anche in Chitè, brand di underwear personalizzabile online, attraverso la piattaforma di equity-investing online Doorway ed è, inoltre, entrata a far parte di IHM Club Deal 2019, che attraverso un percorso di accelerazione all’interno di Impact Hub Milano (IHM Acceleration 2019), sta supportando Foodlogica, che si occupa di logistica sostenibile e Ricehouse, che commercializza materiali edilizi realizzati dai prodotti secondari della coltivazione del riso.

Ad oggi A4W conta più di 50 business angels, che provengono da diversi settori con competenze trasversali. Ne fanno infatti parte managers di grandi aziende, esperte di innovazione, business development, comunicazione, investimenti, marketing.  L’interesse per l’associazione è in continua crescita come dimostra il numero di angels che è raddoppiato nell’ultimo anno.

Il lancio dell’iniziativa è un tassello chiave dell’impegno di AXA Italia sull’empowerment al femminile. Come sottolineato da Patrick Cohen, CEO del Gruppo assicurativo AXA Italia, “Empowerment è la parola chiave che il Gruppo ha scelto per ridefinire la sua missione: dare la possibilità alle persone di vivere una vita migliore, diventando partner dei clienti nella vita di tutti i giorni, con servizi innovativi per proteggere i bisogni di una società che cambia. Un’attenzione particolare non può non essere dedicata alle donne, sempre più protagoniste del cambiamento nella società odierna”.

Un cambiamento testimoniato dai numeri. “Solo il 25% degli investimenti è fatto da donne e le performance di investimenti femminili sono migliori dell’0,5% rispetto a quelli maschili – prosegue Cohen. Il gender gap è forte fra le startup, ma anche qui le performance delle donne sono migliori: le imprese e startup guidate da donne sono meno del 20% e ricevono meno della metà degli investimenti rispetto agli uomini. Ma i ricavi sono superiori del 10% di quelle al maschile”.

AXA Italia e WeWorld Onlus festeggiano il primo compleanno di Punto Donna

Empowerment femminile: a un anno dall’apertura di Punto Donna, AXA Italia e WeWorld Onlus presentano i risultati del progetto per contrastare la discriminazione e la violenza sulle donne

AXA Italia e WeWorld Onlus festeggiano il primo compleanno di Punto Donna, il centro a supporto delle donne vittime di violenza ed esclusione sociale.

In Italia, solo l’11,8% delle donne denuncia le violenze subite e il 62,5% delle vittime ha bambini che assistono alla violenza (Dati Istat); i dati del territorio lombardo non si allontanano dalla media nazionale: tra le donne che denunciano, il 73,8% delle donne ha subito violenza psicologica e il 70,5% fisica (ORA, 2017) e le richieste di aiuto, nel primo trimestre del 2018, sono state 7213 (ORA, 2018).

È questa la ragione che, un anno fa, ha spinto il Gruppo AXA Italia ad agire concretamente per contrastare questo fenomeno insieme a WeWorld Onlus, aprendo Punto Donna a Milano (quartiere del Giambellino).

A Punto Donna il lavoro è focalizzato su una serie di attività gratuite che coinvolgono le donne in percorsi di supporto, formazione ed empowerment, al fine di migliorare le loro condizioni sociali e la fiducia in loro stesse, con particolare attenzione alla possibilità di inserimento lavorativo.

Per il primo anno di attività, anche grazie all’investimento di AXA Italia, pari a circa 100.000 euro, 130 donne e 20 bambini hanno usufruito dei servizi erogati da Punto Donna e 44 tra queste hanno deciso di intraprendere un percorso continuativo all’interno del Centro.

Interessante il range di età, il profilo sociale e la nazionalità di chi ha deciso di rivolgersi al centro. Si tratta infatti di donne di età compresa tra i 25 e i 50 anni, con una prevalenza di donne sui 40, provenienti dal quartiere, ma anche da zone limitrofe della città.

Tra le principali problematiche emerse, l’isolamento, la solitudine e la difficoltà a ricollocarsi nel mondo del lavoro.

 Per questo il sostegno di AXA Italia non si limita al contributo economico: i collaboratori del Gruppo hanno infatti offerto sostegno in attività di volontariato di competenza, di cui AXA è pioniera in ambito assicurativo anche attraverso l’associazione AXA Cuori in azione, per condividere corsi di orientamento al lavoro, corsi di PC, elaborazione di un curriculum vitae e simulazione di colloqui di lavoro. A disposizione delle donne anche corsi di informatica e mindfulness. Mentre personale specializzato ha gestito l’area child care, rivolta a bambine e bambini fino agli 8 anni.

“Empowerment è la parola chiave che AXA Italia ha scelto per ridefinire la sua missione: dare la possibilità alle persone di vivere una vita migliore, diventando partner dei clienti nella vita di tutti i giorni. Un’attenzione particolare è dedicata alle donne, sempre più protagoniste del cambiamento nella società odierna. Per AXA l’empowerment femminile passa da azioni concrete e per questo siamo orgogliosi di festeggiare il primo compleanno di Punto Donna, con cui diamo un primo importante contributo fattuale a favore delle donne vittime di esclusione sociale, che non godono di pari opportunità o che hanno subito violenze” – ha dichiarato Patrick Cohen, CEO del Gruppo AXA Italia.

Per difendere i diritti delle donne e dei bambini serve lavorare con costanza, pazienza e coraggio. Serve affrontare la violenza partendo dalle sue cause, contrastando gli stereotipi e combattendo la povertà e la mancanza di opportunità che lasciano indietro troppe persone in Italia e nel mondo”, commenta Marco Chiesara, Presidente di WeWorld. Serve intervenire sugli effetti della violenza, fisica ed economica, e stare al fianco delle donne che vogliono costruirsi una vita nuova e serve fare tutto questo tenendo insieme mondi e linguaggi diversi, coinvolgendo le istituzioni, le aziende e l’opinione pubblica. Per questo siamo orgogliosi di una partnership solida come quella con AXA, una realtà che guarda con responsabilità il proprio ruolo e costruisce percorsi virtuosi per avere un impatto positivo sui territori e sulle persone con cui viene in contatto”.

La scelta di AXA Italia di essere al fianco di WeWorld Onlus è parte di un impegno complessivo sul tema dell’empowerment al femminile, sia in ottica di promozione della diversità e dell’inclusività all’interno dell’organizzazione, che verso l’esterno, per avere un impatto positivo sulle persone e sulla società.

Proprio nel 2018 è nata – in partnership con Impact Hub MilanoAngels 4 Women, la prima associazione italiana di business angels a supporto dell’imprenditoria femminile. Tra i progetti supportati – con un investimento di 100.000 euro – c’è quello di Orange Fiber, startup attiva nel settore dell’economia circolare che produce tessuti sostenibili a partire dagli agrumi ed EcoSteer, startup guidata da una donna che si occupa di blockchain e IoT. Inoltre, è appena partita l’Open Call for Startup 2020, con cui si sono riaperte le candidature per le startup che vogliono presentare il proprio progetto e la loro richiesta di finanziamento alle riunioni 2020 di Angels for Women.

Un supporto che riguarda anche la ricerca, attraverso l’AXA Research Fund. Nel 2018, ad esempio, il Fondo ha dedicato un focus al tema donne e salute ed è stata creata una nuova Cattedra AXA sulla cura dei deficit visivi, presieduta dalla Prof. Valentina Emiliani (Università Pierre e Marie Curie di Parigi), con l’obiettivo di trovare nuove soluzioni tecnologiche per il ripristino della vista.

AXA Forum 2019: Inclusive protection

Il ruolo chiave dell’assicurazione di fronte alle nuove sfide sociali

Si svolgerà presso la sede della Triennale di Milano il prossimo 6 novembre la nuova edizione dell’#AXA Forum, appuntamento annuale istituzionale del Gruppo AXA Italia, nato per stimolare un dibattito e un confronto aperto sul ruolo che il settore assicurativo riveste nel creare valore nella società

Al centro dell’edizione di quest’anno, dal titolo “Inclusive protection. Il ruolo chiave dell’assicurazione di fronte alle nuove sfide sociali”, le sfide del settore pubblico e privato di fronte a una tematica sempre più prioritaria per gli italiani, ovvero il cambiamento climatico, vissuto sia come fenomeno sistemico che vicino alla vita quotidiana e personale, con impatti avvertiti in maniera nitida sulla salute.

Il tutto a partire dalla presentazione, in anteprima, della nuova ricerca AXA-Episteme sul vissuto e le percezioni degli italiani, dal titolo “Dal global warming alle nuove sfide per la salute”.

Il Forum vedrà l’introduzione di Patrick Cohen, Amministratore Delegato del Gruppo AXA Italia e le conclusioni di Maria Bianca Farina, Presidente di Ania e Poste Italiane. Durante la mattinata, moderata da Sarah Varetto, esponenti e personalità di rilievo del panorama istituzionale italiano ed internazionale si confronteranno sul ruolo di istituzioni, finanza e assicurazioni nel trovare nuove risposte e soluzioni ai grandi temi del cambiamento climatico e della salute pubblica: Stefano Boeri, Presidente della Triennale di Milano, Pierfrancesco Maran, Assessore Urbanistica, Verde e Agricoltura del Comune di Milano, Roberto Cingolani, Chief Technology & Innovation Officer di Leonardo Spa; Monica Fabris, Presidente di Episteme; Stefano Cazzaniga, Partner and Director, Healthcare Payers & Providers di BCG;  Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali della Regione Lombardia; Gianmario Verona, Rettore dell’Università Bocconi; Garance Wattez Richard, Head of AXA Emerging Customers

AXA Italia: entra nel settore della diagnostica e sigla accordo con il Gruppo CIDIMU

Patrick Cohen: “Questa acquisizione segna una tappa storica per la strategia di AXA in Italia e ci consente di andare oltre l’assicurazione per diventare sempre più partner dei nostri clienti lungo l’intero percorso sanitario”

Il Gruppo AXA Italia, leader del mercato assicurativo italiano con un giro d’affari di 6,7 miliardi e 4,5 milioni di clienti, entra ufficialmente nel settore della diagnostica con una integrazione verticale che ha come partner il Gruppo CIDIMU, guidato dall’imprenditore Ugo Riba, presente in Piemonte e Lombardia con alle spalle una storia trentennale di eccellenza in termini di tecnologia e qualità del servizio.
L’integrazione riguarderà uno dei sette centri del Gruppo, il Centro Radiologico Polispecialistico (CRP) situato a Cinisello Balsamo, nel quale verranno effettuati ulteriori investimenti in innovazione tecnologica e digitale, per offrire ai clienti e ai pazienti ancora più servizi.
Questa acquisizione – la prima di un percorso ambizioso – consentirà ad AXA Italia di avanzare con maggiore slancio nella propria strategia di passare dall’essere semplici pagatori di sinistri a veri partner dei clienti, attraverso servizi a valore aggiunto, con un’attenzione particolare al settore della salute.
L’integrazione con gli istituti Diagnostici si inserisce dunque in questo percorso e ne diviene una tappa fondamentale, in quanto consente di proporre ai clienti un’offerta completa, dalla prevenzione alla riabilitazione, garantendo alti livelli di servizio, lungo tutto il percorso sanitario.
AXA, già pioniera nell’innovazione attraverso il lancio dei servizi di Telemedicina, con l’ingresso nel settore della diagnostica desidera spingersi ancora oltre.
Il CEO di AXA Italia, Patrick Cohen ha così commentato: “Questa acquisizione segna una tappa storica per la strategia di AXA in Italia, siamo pionieri nel completare una integrazione verticale nel settore della diagnostica e lo facciamo con un partner di prestigio, come il Gruppo CIDIMU, all’avanguardia in tecnologia e qualità di servizio. Questa operazione apre nuovi orizzonti per AXA Italia e significa andare oltre l’assicurazione e catturare sinergie evidenti con il business assicurativo, basti pensare alla gestione dei sinistri o alla fidelizzazione dei clienti. Da oggi più che mai AXA Italia diventa vero partner dei propri clienti.”

 

Iscriviti alla newsletter