Distribuzione

Le Fonti TV si riconferma prima televisione economica e finanziaria. A certificare il successo di Trend-Online arrivano anche i dati ComScore

I risultati registrati dalla live streaming television continuano a segnalare un trend di crescita costante, in controtendenza rispetto al mercato

Già il posizionamento di Trend-Online (Gruppo Le Fonti) a luglio rileva che Le Fonti è nelle prime 4 posizioni nella classifica dei siti finance in Italia, posizione che si consolida se si tiene conto delle altre properties del gruppo, prima tra le quali Le Fonti TV che, con 14.200 di audience medio giornaliero, rimane la prima televisione economica finanziaria italiana.

Ad agosto si è riconfermato il successo di Trend-Online, che ha registrato 35.186.825 pagine e 7.392.446 utenti unici nel mese secondo i dati certificati da ComScore.

Un successo che ha superato le nostre più rosee aspettative” dice Guido Giommi, presidente di Le Fonti. “I mesi estivi sono da sempre contraddistinti da numeri in contrazione sul media online. Sebbene comprendiamo questo sia un anno particolare per le dinamiche causate dal Covid-19, non ci saremmo mai aspettati di fare un nuovo record proprio nel mese di agosto.

 “Questa per noi è una grande soddisfazione di un lavoro che abbiamo svolto e che ha portato Trend-Online da 3,5 milioni di pagine e 600.000 utenti unici al mese di aprile 2019, mese in cui abbiamo acquisito la proprietà di Trend-Online, ai risultati attuali che di fatto sono più che decuplicati. Questo pone Trend-Online come un mezzo imprescindibile per le pianificazioni pubblicitarie, perché di fatto 1 italiano su 7 si informa sul nostro sito e soprattutto perché nella comunità del business due professionisti e imprenditori su tre guardano Trend-Online.”

Sono incredibilmente emozionato per il successo registrato in questi mesi” commenta Marco Gruden, Fondatore e Direttore Editoriale di Trend-Online “raggiungere questo traguardo è sempre stato uno dei miei obiettivi e sono contento sia avvenuto in Le Fonti”.

Numeri importanti anche quelli delle settimane monotematiche televisive. Le maratone BtoB hanno infatti registrato una media di oltre 3,5 milioni di telespettatori collegati e la partecipazione dei più esperti top player di settore.

Alla domanda riguardante il segreto di questo successo il presidente Guido Giommi risponde “nessun segreto particolare, se non tanto lavoro, investimenti focalizzati e attenzione ai contenuti e alla loro indiscussa veridicità: un mix che si è dimostrato vincente per diventare tra le prime testate economiche e finanziarie italiane.”

Prima Assicurazioni rafforza la strategia omnicanale e lancia Prima Black, una soluzione esclusiva per gli agenti

Prima Assicurazioni segna una forte crescita dei volumi anche a maggio e lancia l’innovativo “Prima Black”, il nuovo prodotto dedicato agli agenti. Mentre l’Italia riparte, la tech company che opera come piattaforma assicurativa specializzata in polizze auto, moto e furgoni preme sull’acceleratore e chiude il mese con un aumento delle polizze vendute a 114 mila, il 140% in più rispetto alle 48 mila di maggio 2019, raggiungendo un totale di clienti attivi di 673 mila, in crescita dell’89% rispetto allo scorso anno. Si conferma dunque la bontà della strategia di Prima Assicurazioni, che ha continuato a registrare forti incrementi dei risultati anche durante la fase di lockdown, quando la società ha raggiunto la pietra miliare di 600 mila clienti attivi.

«Il settore assicurativo – spiega Mauro Piccinini, Chief Financial Officer di Prima Assicurazioni – si sta dimostrando particolarmente resiliente alla crisi e i dati mostrano che a maggio la nostra crescita è tornata a livelli anche superiori rispetto al periodo precedente al lockdown. Confermiamo tutti i nostri obiettivi per il 2020, compresi quelli più ambiziosi di raddoppiare i premi lordi e raggiungere 1 milione di clienti attivi a fine 2020. Lo faremo continuando a lavorare sull’eccellenza dell’esperienza dei nostri clienti, sul raffinamento dei nostri algoritmi ‘data-driven’ e su una strategia distributiva improntata all’omnicanalità».

A fine anno Prima Assicurazioni punta a ottenere una quota di premi dal canale indiretto di agenti e broker in aumento al 30% del totale dal 15% attuale. A questo scopo è stato studiato “Prima Black”, che sta già ricevendo un ottimo riscontro dalle oltre 200 agenzie della rete in continua crescita di Prima Assicurazioni. La nuova soluzione è esclusiva per gli agenti, differenziata dall’offerta online, e ha una caratteristica unica per tutelare il portafoglio dell’agente: non importa se il cliente rinnova in agenzia oppure sul sito di Prima, rimane e rimarrà sempre un cliente dell’agente.

«Prima Assicurazioni sta investendo in maniera significativa sulla rete di intermediari nella convinzione che il rapporto personale con figure specializzate sia fondamentale per i nostri clienti e per lo sviluppo del nostro business. Prima Black è pensato per gli agenti e dedicato agli agenti: non è acquistabile online e prevede un trattamento provvigionale molto remunerativo. Si tratta di una soluzione innovativa e unica sul mercato italiano: qualora il rinnovo della polizza fosse acquistato sul sito www.prima.it, l’intermediario riceverà comunque le provvigioni se si tratta di un suo cliente», sottolinea il Responsabile Business Development di Prima Assicurazioni, Andrea Balestrino (foto). «Stiamo ampliando la nostra rete e valutiamo quotidianamente nuove candidature con l’obiettivo di continuare a inserire nuovi agenti e broker che siano pronti a far parte del nostro progetto con impegno e passione. Per presentare la propria candidatura gli intermediari iscritti in A o B possono consultare il sito www.prima.it/intermediari o mettersi in contatto con noi all’indirizzo intermediari@prima.it» conclude Balestrino.

Le altre caratteristiche principali di Prima Black sono flessibilità tariffaria, garanzie più tutelanti e remunerazione tra le più premianti sul mercato. Prima Assicurazioni ha creato inoltre una piattaforma dedicata agli intermediari nuova e intuitiva, tecnologicamente all’avanguardia, che permette, tra l’altro, una preventivazione in 30 secondi e il monitoraggio costante di produzione e commissioni.

Nasce QUIXA. Patrick Cohen (CEO di Axa): “Ulteriore tassello della nostra crescita”

Patrick Cohen: “Quest’integrazione consolida il ruolo di AXA protagonista nel Paese e rispecchia perfettamente la nostra strategia che vede al centro la semplificazione dell’esperienza cliente, grazie anche all’utilizzo della tecnologia”

A guidare la nuova società col ruolo di Amministratore Delegato sarà Domenico Martiello, Chief Distribution Officer del Gruppo AXA Italia.

Il Gruppo AXA Italia, leader del mercato assicurativo italiano con un giro d’affari di 6,7 miliardi e 4,5 milioni di clienti, si rafforza ulteriormente con l’ingresso al suo interno di QUIXA Assicurazioni SpA. La società a cui è stato trasferito il portafoglio assicurativo di AXA Global Seguros y Reaseguros, che da oltre 10 anni opera in Italia con il brand QUIXA.
QUIXA, attiva nel mercato diretto dell’assicurazione auto, serve più di 275.000 clienti, con oltre 110 milioni di premi, con un team di circa 200 dipendenti. QUIXA vanta una storia di innovazione che l’ha portata a essere una compagnia 100% digitale, con un livello di soddisfazione del cliente, al vertice del mercato assicurativo italiano.
Insieme ad AXA, primo brand assicurativo al mondo per il 10° anno consecutivo, QUIXA continuerà a investire nel servizio al cliente, accelerando lo sviluppo di soluzioni digitali che, in coerenza con la strategia del Gruppo AXA, diano ai clienti risposte pratiche e concrete in particolare nell’ambito degli ecosistemi del mobility, del salute e del living. QUIXA inoltre punterà sulle partnership per rafforzare la propria presenza sul mercato e raggiungere un numero più ampio di clienti.
La guida di QUIXA Assicurazioni S.p.A. viene affidata a Domenico Martiello, che ha un’esperienza di oltre 20 anni in AXA, acquisita rivestendo ruoli strategici in Italia e presso la holding, attualmente è Chief Distribution Officer del Gruppo AXA Italia; incarico che manterrà, per continuare ad assicurare lo sviluppo del business complessivo in Italia. Quale CEO di QUIXA, Domenico sarà affiancato da Ivan Pivirotto, attuale Responsabile delle Partnership di AXA Italia, che si occuperà dello sviluppo della Compagnia e del suo business.

Patrick Cohen, CEO di AXA Italia ha così commentato: “Con l’ingresso di QUIXA nel perimetro di AXA Italia si aggiunge un ulteriore tassello della nostra crescita e del nostro consolidamento come protagonisti del mercato italiano. Quest’integrazione rafforza uno dei pilastri della nostra strategia, che punta ad offrire un’esperienza cliente sempre più semplice e intuitiva, grazie all’utilizzo della tecnologia. Quixa ha una vocazione 100% digitale e mobile first, una eccellente competenza tecnica, la capacità di innovare, l’agilità e la rapidità di esecuzione, in aggiunta alla ottima guida di Domenico Martiello. Sono questi gli elementi sui quali faremo leva per conseguire una crescita sostenibile e profittevole, affermandoci con un posizionamento sul mercato che renda più evidente e sinergico il collegamento con AXA Italia.”

Groupama Assicurazioni, G-Evolution e IBM insieme per innovare il settore assicurativo

Guida più sicura e risarcimenti più veloci grazie all’impiego di competenze professionali, intelligenza artificiale,  internet of things e cloud

G-Evolution, società di servizi telematici che opera sul mercato B2B e B2C, partecipata al 100% da Groupama Assicurazioni, ha annunciato oggi l’avvio di una collaborazione con IBM (NYSE: IBM) per lo sviluppo delle soluzioni digitali che cambieranno il modo in cui l’intelligenza artificiale viene utilizzata nell’industria assicurativa. La collaborazione mette a fattor comune il know-how di G-Evolution e le principali competenze di IBM per la trasformazione strategica delle imprese attraverso le tecnologie più innovative come Internet of Things, Artificial Intelligence e Cloud ibrido. Nel corso degli ultimi due anni G-Evolution ha lavorato con IBM Services e con IBM Cloud & Cognitive  per sviluppare una piattaforma leader nel settore – basata sulla IBM Public Cloud che ne garantisce sicurezza, apertura e scalabilità –  in grado di integrare e strutturare una miriade di dati provenienti da fonti differenti; dai core data in campo assicurativo, come i dati su polizze e sinistri, ai dati contestuali e storici, come quelli relativi alle condizioni meteorologiche, al traffico, e ai dati telematici. Questa piattaforma ha anche permesso a G-Evolution di implementare modelli distintivi basati su intelligenza artificiale, rivelando insights relativi alla validazione delle collisioni, alle statistiche di guida, alle ricostruzioni avanzate di collisioni modulari, ai flag antifrode e al calcolo dei rischi.

Attualmente G-Evolution sta sviluppando ulteriormente la piattaforma, utilizzando una combinazione di tecnologie IoT e di AI in tutto il suo ecosistema, in linea con il suo percorso per diventare una Cognitive Enterprise. Utilizzando e valorizzando dati proprietari e competenze specializzate, la società potrà rispondere sempre meglio ai nuovi comportamenti dei clienti e alle nuove aspettative da parte dei guidatori.
La collaborazione con IBM favorirà, inoltre, un’accelerazione della trasformazione digitale di tutte le operazioni di Groupama Assicurazioni, analizzando gli insights per prevenire i rischi per il cliente e per fornire loro il livello assicurativo corretto. G-Evolution, inoltre, sta acquisendo nuove e approfondite conoscenze grazie all’utilizzo di queste tecnologie e ai dati relativi al settore ora disponibili: la combinazione di questi due aspetti può aiutare le società a ridefinire la customer experience e a raggiungere livelli mai raggiunti di efficienza e velocità.

Il primo ambito di sviluppo sarà focalizzato sul mercato verticale delle assicurazioni auto, in cui G-Evolution e IBM sono impegnate da due anni, e che ora coinvolgerà anche l’IBM Garage, la metodologia per favorire l’innovazione del settore, in una collaborazione mirata alla nascita di nuove idee e all’adozione di soluzioni scalabili nel settore assicurativo, al fine di migliorare l’esperienza complessiva del cliente.

“Credo fermamente nella necessità di tornare ai fondamenti del mestiere dell’assicuratore per rinforzarlo e renderlo più solido. Per fare ciò, non occorre cominciare da zero, ma è necessario valorizzare le risorse e le competenze costruite in questi anni che hanno portato IBM e G-Evolution a mettere i dati al centro della scena e a sviluppare esperienze completamente nuove.” afferma Pierre Cordier, Amministratore Delegato di Groupama Italia, che considera le sfide associate a Intelligenza Artificiale e IoT un’opportunità per migliorare il processo di trasformazione di Groupama Assicurazioni.

“Nel settore assicurativo stiamo attraversando un’era di trasformazioni senza precedenti, caratterizzata dalla crescente connessione che favorisce lo scambio di informazioni tra tutti gli attori in gioco” afferma Enrico Cereda, Presidente e Amministratore Delegato di IBM Italia. “Ci troviamo, in pratica, nella fase della digital reinvention e questo progetto è un esempio concreto di cosa significa diventare una Cognitive Enterprise in un settore così competitivo, utilizzando e coniugando al meglio competenze professionali e tecnologie esponenziali”.

 Le due società, unendo le loro forze e mettendo insieme dati, algoritmi e modelli specifici del settore di G-Evolution assieme alle tecnologie basate su hybrid cloud, Watson IoT e intelligenza artificiale di IBM, saranno in grado di affrontare efficacemente le grandi sfide del settore assicurativo in aree cruciali come la valutazione e prevenzione dei rischi e la gestione complessiva dell’intera catena del valore sui sinistri. Questi sono i principali vantaggi già osservati dall’avvio del progetto:

  • la corrispondenza tra i sinistri riportati dai clienti di Groupama Assicurazioni e gli eventi telematici rilevati dai dispositivi IoT installati è aumentata di 30 PPT con una diminuzione dei falsi allarmi pari a 20 PPT;
  • riduzione dei costi di assistenza del 50% e ridimensionamento dei costi legati al customer care pari al 45% con un netto miglioramento del servizio;
  • grazie alla telematica applicata all’antifrode è stato registrato un incremento del 15% sull’individuazione di frodi sospette, su cui si rileva un aumento del 50% del tasso di contrasto per evidenti difformità. Inoltre, è previsto un miglioramento continuo dell’efficacia della telematica applicata ai sinistri grazie alla trasformazione dell’intera filiera, che ha instaurato un circolo virtuoso per rendere più efficienti i processi e l’incremento dei saving.

La collaborazione permetterà a tendere anche di osservare:

  • un impatto positivo sulle modalità di guida più rischiose, con una significativa riduzione dei livelli di velocità e di frenate pericolose tra i clienti Groupama Assicurazioni, con conseguente riduzione della frequenza di sinistri;
  • riduzione delle spese annuali per richieste di risarcimento di Groupama Assicurazioni, utilizzando un modello di intelligenza artificiale in grado di riconoscere la veridicità delle collisioni, con conseguente diminuzione significativa dei costi sui danni materiali.

Al di là dei processi core, queste risorse e competenze vengono utilizzate come elemento centrale per la trasformazione di Groupama Italia, in quanto costituiscono il potenziale per incrementare radicalmente il coinvolgimento del contraente, rispetto ad una serie di soluzioni quali Connected Lifestyle, Smarter Health, Smarter Home e servizi a valore aggiunto.

MetLife sempre ai vertici per apprezzamento da parte degli intermediari. NPS 16 volte superiore alle altre compagnie

Il Net Promoter Score della compagnia è a quota 39,8. I partner distributivi soddisfatti in particolare dei prodotti e della facilità d’uso degli strumenti informatici

 

Gli intermediari apprezzano sempre di più MetLife. È quanto emerge dall’edizione 2019 della ricerca annuale sulla soddisfazione degli intermediari svolta dalla compagnia leader a livello mondiale nell’offerta di prodotti assicurativi specializzata in Italia nell’offerta di soluzioni protection (vita di rischio e salute).

Gli intermediari indipendenti che distribuiscono le soluzioni vita e infortuni di MetLife promuovono la compagnia assegnandole un eccellente punteggio di NPS (Net Promoter Score): 39,8. L’indicatore che misura la qualità nella relazione tra compagnia e rete ha registrato una crescita rispetto all’anno scorso, quando con un punteggio di 37,8, MetLife già si attestava a livelli superiori alla media. Nel 2019 MetLife supera di oltre 16 volte la valutazione assegnata agli altri marchi e di quasi tre volte quella di mercato.

La crescita di gradimento maggiore si evidenzia tra gli agenti, per i quali l’NPS passa dal 39,1 al 52,4. Inoltre, MetLife si conferma ancora una volta come un punto di riferimento per i propri partner nelle polizze TCM (Temporanea caso morte): 9 intermediari su 10 considerano MetLife la compagnia con i migliori prodotti vita di puro rischio. Libera Mente Più, la polizza TCM per proteggere il tenore di vita familiare, Mutuo Vivo, polizza vita per chi ha esigenza di proteggere il mutuo e New Protection, prodotto vita pensato per professionisti e aziende, hanno registrato infatti elevati livelli di soddisfazione per via della competitività delle tariffe e delle procedure assuntive.

Gli intermediari hanno valutato molto positivamente in particolare i prodotti, la facilità d’uso degli strumenti informatici, la remunerazione. In forte crescita anche l’apprezzamento della formazione. Da evidenziare che le valutazioni relative a MetLife sono nettamente maggiori della media dei competitor. Gli intermediari della classe di anzianità superiore mostrano un NPS di dieci punti superiori alla media, a dimostrazione di un’attenzione ai partner distributivi costante nel tempo che ha comportato un rafforzamento ulteriore della relazione di fiducia. Non a caso gli intermediari che operano con MetLife hanno ormai superato il migliaio tra broker, agenti e subagenti con un trend di crescita in costante aumento.

“Anche quest’anno – ha dichiarato Maurizio Taglietti, General Manager per MetLife in Italia – i risultati evidenziano concretamente quanto valido sia il nostro modello distributivo fondato su partnership indipendenti. In pochi anni abbiamo instaurato relazioni durature e fruttuose con gli intermediari, grazie alla qualità dei nostri prodotti e all’attenzione che riserviamo a chi, come noi, crede nel valore del comparto della Protection sia per l’industry assicurativa, sia per il cliente finale”.

 

Nota metodologica:

La ricerca è il frutto di un’indagine che ha coinvolto un campione di 283 intermediari che lavorano con MetLife ed è stata effettuata dalla società di ricerca e consulenza Innovation Team (Gruppo Mbs Consulting) fra marzo e aprile del 2019 per valutare il grado di soddisfazione, di fidelizzazione e il posizionamento rispetto agli altri mandati e marchi con cui gli intermediari indipendenti (agenti, broker e subagenti) collaborano. Il Net Promoter Score è misurato con una scala da 0 a 10, in cui solo i rispondenti che assegnano punteggi uguali o superiori a 9 sono considerati promoter.

Il benchmark di mercato è tratto dall’indagine periodica di Innovation Team “il cambiamento dell’intermediazione ed il punto di vista degli agenti” realizzata tramite 2.500 interviste per monitorare lo stato d’evoluzione del contesto distributivo, le forme di intermediazione e il posizionamento competitivo dei marchi principali.

Amissima Vita e Gruppo Azimut firmano accordo di distribuzione

Amissima Vita e il Gruppo Azimut, attraverso Azimut Financial Insurance S.p.A., hanno sottoscritto un accordo finalizzato alla distribuzione di prodotti Vita. I primi prodotti collocati saranno due soluzioni di investimento con sottostante Gestione Separata, denominati Azimut “PROTEZIONE” e Azimut “OBIETTIVO SICURO”.

Questo accordo rappresenta un’importante tappa nella strategia di crescita della Compagnia per lo sviluppo con reti di consulenti, sia in ambito Retail sia Private Banking. Amissima Vita metterà a disposizione del Gruppo Azimut le proprie expertise finanziarie e del suo azionista Apollo Global Management (270 miliardi di dollari di asset under management, al 30/09/2018) nella gestione delle asset class sia di tipo tradizionale sia legate al segmento del credito alternativo, dove Apollo è leader a livello mondiale con oltre 180 miliardi di dollari in gestione. Queste strategie saranno in grado di generare ritorni interessanti per la clientela del Gruppo Azimut.

Alessandro Santoliquido, Amministratore Delegato di Amissima Vita ha così commentato: “È per noi un grande privilegio lavorare con il Gruppo Azimut, la principale realtà Italiana indipendente operante dal 1989 nel settore del risparmio gestito. Grazie alla forza della propria rete di oltre 1700 Consulenti Finanziari e al costante spirito innovativo che da 30 anni sta influenzando l’industria della promozione, gestione e distribuzione di prodotti e servizi finanziari, Azimut ha raggiunto una posizione di indiscussa leadership nel panorama nazionale ed internazionale. Amissima Vita supporterà il Gruppo nel suo percorso di crescita, offrendo prodotti e servizi in grado di rispondere ai bisogni di protezione, sicurezza e rendimento. Inoltre il focus comune verso gli alternative investments, sarà un elemento distintivo della partnership”.

Paolo Martini, Amministratore Delegato di Azimut Capital Management e di Azimut Financial Insurance dichiara: “Questa nuova partnership con Amissima ci consente di ampliare e rinforzare la gamma di servizi offerti all’interno della nostra piattaforma aperta e di adattarci ancor meglio alle diverse esigenze dei clienti. L’accordo ci permette inoltre di offrire soluzioni di gestione altamente innovative come quelle dell’alternative credit grazie al sostegno di un partner internazionale di sicuro valore”.

Swiss Life punta al raddoppio sull’Italia

Il Gruppo Assicurativo leader in Svizzera punta sul mercato italiano rivolgendosi alla clientela facoltosa e alle imprese multinazionali con un approccio innovativo e soluzioni assicurative inedite. L’obiettivo per i prossimi tre anni è quello di raddoppiare le masse gestite in Italia

Swiss Life, Gruppo leader in Svizzera nel settore assicurativo vita, punta a crescere in Italia come provider di soluzioni assicurativo-finanziarie, a tutela del patrimonio e del passaggio generazionale per clientela high net worth, ovvero con disponibilità mobiliare superiore al milione di euro. La crescita mira anche a potenziare un’offerta che include soluzioni previdenziali e di protezione dai rischi biometrici in favore dei dipendenti di imprese multinazionali (employee benefits).
Partendo dagli attuali 3 miliardi di franchi svizzeri di asset gestiti per conto di clientela residente in Italia, Swiss Life intende raddoppiare le masse gestite nel nostro Paese nel prossimo triennio, grazie alle soluzioni offerte da Swiss Life Global Solutions, il marchio sotto cui sono state raggruppate le competenze e le attività cross-border del Gruppo Swiss Life, attivo in più di 80 paesi in Europa e Asia, tra cui l’Italia, attraverso le controllate Swiss Life (Liechtenstein) AG e Swiss Life (Luxembourg) S.A., in regime di libera prestazione di servizi.
La strategia di crescita di Swiss Life in Italia si fonda su un modello di distribuzione ibrida, in linea con le novità introdotte dalla Direttiva europea in materia di distribuzione assicurativa (IDD), e sull’innovazione dei prodotti, con particolare enfasi sulla copertura del rischio di decesso. Swiss Life ha creato un nuovo team di 15 esperti, dedicato al mercato italiano, in grado di offrire consulenza diretta ai clienti e un approccio distintivo business-to-business-to-consumer ai propri partner, quali banche, gestori patrimoniali e family office.
In termini di innovazione di prodotto, la mission è fornire ai clienti soluzioni assicurative transfrontaliere esclusive. Swiss Life sarà, infatti, la prima compagnia estera a presentare in Italia una soluzione assicurativo-finanziaria a fiscalità gestita, inedita per il mercato italiano, che offrirà ai clienti la possibilità di scegliere se gestire in proprio la fiscalità derivante dalla polizza o delegare completamente ogni adempimento nell’ambito della polizza stessa in modo analogo al regime di sostituzione di imposta. Tale opzione contrattuale sarà disponibile sia dal Liechtenstein sia dal Lussemburgo. A breve Swiss Life lancerà anche nuovi prodotti vita di tipo protection, che le consentiranno di distinguersi ulteriormente dall’offerta attualmente disponibile sul mercato italiano.
“L’Italia rappresenta per Swiss Life il secondo mercato estero più importante dopo quello francese e” – dichiara Alessandro Tulli, Amministratore Delegato di Swiss Life (Liechtenstein) AG – “presenta grandi opportunità di crescita. Sono poco meno di 400mila gli italiani con ricchezza finanziaria superiore al milione di euro e fanno capo prevalentemente a individui con una fascia d’età superiore ai 55 anni, ovvero quella in cui si inizia ad affrontare il tema del passaggio generazionale. È proprio questa la clientela a cui ci rivolgiamo e alla quale proponiamo soluzioni che consentono di affrontare e risolvere le questioni legate alla trasmissione del patrimonio mobiliare. Attraverso il marchio Swiss Life Global Solutions siamo inoltre in grado di soddisfare le esigenze delle aziende multinazionali alla ricerca di soluzioni employee benefits per i propri dipendenti. Quest’ultimo infatti è un ulteriore elemento che consente a Swiss Life di distinguersi sul mercato attraverso la copertura di due linee di business sotto un unico brand”.
Fondata nel 1857, Swiss Life è la più grande compagnia di assicurazioni vita in Svizzera, operante anche in Gran Bretagna, Francia, Germania, Liechtenstein, Austria, Cechia, Slovacchia, Singapore e Lussemburgo. Quotata alla SIX Swiss Exchange e con oltre 258 miliardi di franchi svizzeri in termini di asset in gestione (al 31/12/2017), Swiss Life vanta un rating A Standard & Poor’s e un coefficiente di solvibilità superiore al 200%. Nel 2017, Swiss Life ha messo a segno significativi progressi operativi: l’utile netto operativo è incrementato del 5% a 1,47 miliardi di franchi. L’utile netto è aumentato del 9% sul 2016, attestandosi a 1,01 miliardi di franchi svizzeri.

Al via il roadshow del gruppo assicurativo Amissima

Sono oltre 550 agenti e 400 agenzie quelli che saranno incontrati dall’8 al 16 ottobre durante il roadshow di Amissima che toccherà 6 città italiane.

Partirà da Bari la prima tappa del tour In vista del traguardo, per poi sbarcare a Roma, Catania, Milano (Saronno), Padova ed infine Lamezia Terme. Nel corso degli incontri il Management farà il punto su quanto realizzato dalla società nel corso del 2018 con un focus sulle strategie e i programmi per il 2019.

Alessandro Santoliquido, amministratore delegato di Amissima ha dichiarato: “L’organizzazione di questo roadshow si iscrive in una più ampia politica di dialogo della nostra Società con gli agenti presenti sui territori. Siamo convinti che gran parte dei successi ottenuti dalla nostra Compagnia siano dovuti alla nostra rete di professionisti, che dimostrano grandi capacità oltre che una profonda conoscenza delle realtà locali, riuscendo a declinare con successo le strategie del Gruppo sui singoli mercati”. 

 Il roadshow rappresenta la volontà della Compagnia di dare supporto ai propri Agenti, ascoltarne le idee e i punti di vista, presentare le opportunità commerciali per l’ultimo quadrimestre dell’anno e fare il punto sulle attività svolte, alla luce anche delle tante novità che hanno caratterizzato il 2018 del Gruppo.

Anche quest’anno l’AD Santoliquido sarà presente ad ogni appuntamento e insieme al suo Management approfondirà gli obiettivi strategici pluriennali e operativi della Compagnia, le nuove iniziative, i nuovi prodotti e analizzerà l’evoluzione di un mercato, quello assicurativo, in rapida e costante evoluzione.

Il calendario

  • Bari 8 ottobre – Villa Romanazzi
  • Roma 9 ottobre – Hotel Barcelo Aran Mantegna
  • Catania 10 ottobre – Four Point by Sheraton Catania
  • Saronno 11 ottobre – Starhotels Gran Milan
  • Padova 12 ottobre – Four Point by Sheraton Padova
  • Lamezia Terme 16 ottobre – THotel Lamezia

Olimpia Agency e MetLife, insieme… per la “vita”

Nell’ottica di un ampliamento della già vasta gamma di prodotti offerti, Olimpia Agency pensa ai progetti personali dei propri clienti e, al fine di offrire loro strumenti concreti per proteggere il tenore di vita e la salute, decide di affiancare il proprio nome a quello di MetLife

Olimpia Agency sigla un importante accordo con il colosso statunitense MetLife, fondato un secolo e mezzo fa a New York, che opera in oltre 50 paesi nel mondo e che nel 2017 ha realizzato profitti per $3,6 billion con un ROE del 5,9%. Il nome di MetLife è oggi sinonimo di qualità e affidabilità per la protezione personale, familiare ed aziendale, grazie all’offerta di assicurazioni vita, di prodotti di risparmio e nelle soluzioni di Welfare aziendale (Employee Benefits) scelta da oltre 100 milioni di clienti al mondo.
“Un’altra freccia nell’arco di Olimpia” – ha affermato il CEO di Olimpia Agency S.p.A., Alessandro Di Virgilio – “che ci permetterà di assistere al meglio i nostri clienti, di pensare alle loro famiglie e alle scelte importanti che si apprestano a compiere, offrendo loro l’opportunità di vivere appieno la propria vita e di affrontare progetti futuri in assoluta tranquillità”.
La partnership con MetLife conferma, quindi, il trend di Olimpia nella ricerca delle migliori soluzioni e dei migliori partner, in un percorso di crescita e fidelizzazione clienti sempre più globale e qualitativamente elevato.

 

 

Amissima lancia la nuova unità sviluppo rete e progetti speciali

La divisione, guidata da Stefano Di Bucci, rafforza la Direzione Commerciale a sostegno della rete agenziale della Compagnia

Il Gruppo Assicurativo Amissima rafforza la propria struttura commerciale e inaugura l’unità operativa Sviluppo Rete e Progetti Speciali che sarà guidata da Stefano Di Bucci, recentemente entrato nello staff del Direttore Commerciale Antonio Scognamillo.
La nuova divisione lavorerà con l’obiettivo di potenziare ulteriormente la Direzione Commerciale della Compagnia, a supporto della rete vendita, per raggiungere un migliore e più equilibrato presidio sul territorio.
Nello specifico il team coordinato dal dott. Di Bucci si occuperà della ricerca e selezione di agenti e, al contempo, della cura e dello sviluppo della rete di intermediari: una crescita qualitativa, ma anche quantitativa poiché entro la fine del 2018 Amissima intende fortificare la propria rete attraverso l’apertura di nuove agenzie, l’inserimento di agenti e il potenziamento della rete sub agenziale delle migliori agenzie.
In un mercato assicurativo in cui il numero delle agenzie continua a diminuire a fronte dello sviluppo di nuovi canali distributivi, Amissima va in controtendenza e punta sul rinnovamento e la professionalità della propria rete. Sviluppo Rete e Progetti Speciali rappresenta, così, un ulteriore passo in avanti nello sviluppo del progetto di rinnovamento e consolidamento di Amissima, promosso dall’Amministratore Delegato Alessandro Santoliquido, e testimonia l’impegno della Compagnia per garantire ai propri agenti sostegno e qualità dei servizi.
Da questo punto di vista, quest’anno Amissima si è distinta per i risultati aziendali raggiunti, come il riconoscimento nazionale di “Azienda Eccellente 2018”, nel corso dei Sales Excellent Awards 2018 di Fortia, e il premio de Le Fonti Awards “Eccellenza dell’Anno Insurance Crescita e Innovazione Rete Agenziale”, solo per citarne alcuni.

Amissima Vita è una Compagnia italiana con pluriennale e consolidata esperienza nella distribuzione di prodotti vita tramite il canale bancassurance e la propria rete agenziale. La sua missione è offrire alle banche, agli agenti e ai loro clienti le migliori soluzioni assicurative per soddisfare in modo completo e innovativo, i bisogni personali di protezione, sicurezza e rendimento. Amissima Vita offre una vasta gamma di soluzioni assicurative nelle aree: Protezione, Risparmio e Investimento. Controllata dal 2015 da Apollo Global Management – primario operatore finanziario internazionale nelle aree credit, private equity e real assets –  Amissima Vita ha sviluppato una raccolta premi di 835 milioni di euro (dati al 31/12/2016) e presenta riserve tecniche per 5.600 milioni di euro (dati al 30/06/2017). La sede e la direzione di Amissima Vita sono basate a Genova, con una squadra di circa 100 professionisti coordinati dall’amministratore delegato Alessandro Santoliquido.

www.amissimagruppo.itwww.amissimavita.it

 

Gruppo Amissima Assicurazioni Press Office

CLOSE TO MEDIA – Tel. +39 02 70006237

Ernesto Bonetti – ernesto.bonetti@closetomedia.it 

Luigi Borghi – luigi.borghi@closetomedia.it

Scroll to top